facebook twitter rss

“Cinquanta sfumature di rosso”:
si chiude la trilogia ispirata al
romanzo di E. L. James

Print Friendly, PDF & Email

di Eraldo Di Stefano

C’è chi dice purtroppo e chi per fortuna. Fatto sta che la tanto discussa saga, adattamento cinematografico ispirato ai romanzi della scrittrice britannica Erika Leonard, in arte E. L. James, volge al termine con un terzo capitolo conclusivo che, nel complesso, ricalca la linea dei precedenti.

Questa volta a cavalcare la scena ci sono vari e molteplici avvenimenti: un matrimonio, un viaggio in Europa, un inseguimento di macchine, un rapimento, una gravidanza inaspettata… insomma, ce n’è per tutti i gusti!

“Fifty Shades Freed” si apre con il matrimonio di Anastasia Steele (Dakota Johnson) e Christian Grey (Jamie Dornan), con il “si” della ragazza che sigilla l’unione e dà il via alle danze. Luna di miele a Parigi e in riviera, dove, dopo un simpatico siparietto di Ana che combatte per andare in spiaggia in topless, si arriva ad una romantica cena che porta all’orecchio per la prima volta l’argomento figli.

La vita dei due novelli sposi procede a meraviglia ma le minacce sono dietro l’angolo. L’ ex capo di Ana infatti, Jack Hyde, brama vendetta per essere stato licenziato dalla casa editrice per cui lavorava a causa dell’episodio con la ragazza. Sul fronte Christian invece riappare Elena che torna a perseguitare la coppia rendendo la loro vita molto più complicata.

Sicuramente il film si incentra maggiormente sui “problemi” della coppia, la loro relazione e il loro modo di viverla intensamente, soprattutto con ricorrenti scene a sfondo sessuale, caratteristica ormai peculiare della trilogia. Ma il matrimonio all’inizio del film rende questo ultimo capitolo differente dagli altri, conferendogli un’aria più “romantica”.

Non mancano momenti più elettrizzanti come l’inseguimento da parte dello psicopatico ex datore di lavoro di Ana, però il film gira principalmente intorno ai due attori principali.

E, vista la natura dei romanzi e delle pellicole precedenti, direi che è anche in linea con le promesse.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X