facebook twitter rss

L’orizzonte di Tipicità è sempre più bio:
18 produttori nella rete della Food Trand

MACERATA - L'azienda coordinerà un padiglione che vedrà anche la presenza di una biosala all'interno della quale si alterneranno oltre 30 eventi con i produttori che avranno modo di raccontare le loro esperienze
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

Orizzonte Bio è un progetto presente dentro Tipicità da diversi anni. Ma Angelo Serri e Alberto Monachesi, anime della manifestazione che si terrà dal 3 al 5 marzo al Fermo Forum, hanno voluto consolidare ed ampliare il padiglione riferito ad un mercato che continua a far registrare una crescita importante.

Protagonista sarà la Food Trand di Macerata che porterà 18 produttori, un numero più che raddoppiato rispetto all’ultima edizione. “Ci sono tante imprese delle Marche che producono biologico – spiega a Cronache Fermane Cristina Traini, amministratrice dell’azienda e coordinatrice del progetto -. Obiettivo del nostro progetto è proprio quello di coinvolgere, in maniera convinta, chi ha scelto questo percorso. I contatti possono venire da fonti diverse, come colleghi agronomi o altre aziende che hanno affinità con quelle che poi si avvicinano a noi. Da qui nasce una vera e propria rete”.

Queste le aziende partecipanti: Ciro e Bio, Azienda Agricola Michele, Amaltea, Cantine Ortenzi, Scibè, Molino Agostini, Castrum Morisci, Agricola Serena, Pasta Picena, Terre della Serra, Verde Speranza, Verde Naturale, San Michele Arcangelo, Monte Gemmo, La biologica, Le basi, Santa Liberata, Bio favole.

“Il settore food è più che coperto – aggiunge la Traini -. Abbiamo quasi tutte le tipologie possibili, dalle conserve alla trasformazione di frutta, con le novità di quest’anno di un’azienda che ha tartufi biologici ed un’altra che produce zafferano bio”.

Un padiglione, quello di Orizzonte Bio, nel quale verranno messe in evidenza l’importanza di una cooperazione tra le stesse imprese. “Il nostro progetto di rete prevede anche un primo corso di formazione per agenti del mondo bio, così come la creazione di un hub dove le aziende possano attingere a più servizi, a partire dal reperimento di fondi a livello regionale e comunitario, passando alla consulenza di tipo amministrativo. Ma l’obiettivo principale resta quello di generare opportunità commerciali alle stesse aziende, facendo noi da polo distributivo”.

Per le tre giornate di esposizione è stato previsto anche l’allestimento di una biosala, all’interno della quale si terranno più di 30 eventi. “In quel contesto – conclude -, oltre a diversi convegni, le aziende avranno modo di raccontare le loro esperienze a cuore aperto, di fronte ad un pubblico che potrebbe per loro rappresentare il consumatore finale”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X