facebook twitter rss

Successo a Tipicità per la presentazione
del libro della Ciip Spa (VIDEO)

FERMO - Moltissime le autorità anche in sala: il Presidente della camera di commercio di Fermo, Graziano Di Battista, i presidenti della Carifermo (Fondazione e SpA), Alberto Palma e Amedeo Grilli, il presidente del Tennacola, Daniele Piatti, il presidente della Steat, Fabiano Alessandrini e moltissimi sindaci dei comuni del territorio Fermano, soci della Ciip SpA
Print Friendly, PDF & Email

di Nunzia Eleuteri

Nella Sala Picena del Fermo Forum, questa mattina, alla XXVI edizione di Tipicità la presentazione del libro “Storie di acque e acquedotti nelle province di Fermo e Ascoli Piceno”.

Una sala che non è riuscita a contenere i tanti presenti che hanno partecipato con interesse all’evento. Soddisfatto quanto orgoglioso il presidente della Ciip SpA, Giacinto Alati, per questo successo oltre le aspettative. Ha ringraziato così i rappresentanti delle istituzioni e tutti coloro che hanno contribuito agli ottimi risultati che l’azienda ha raggiunto in questi tanti anni raccontati nella pubblicazione curata da Marco Corradi.

Al tavolo delle autorità i sindaci di Fermo ed Ascoli Piceno, Paolo Calcinaro e Guido Castelli, l’assessore al bilancio regionale, Fabrizio Cesetti in sostituzione della vice presidente della regione Anna Casini assente per sopraggiunti impegni, la presidente della provincia di Fermo, Moira Canigola, Don Vinicio Albanesi in rappresentanza dell’Arcivescovo della diocesi Rocco Pennacchio, il prof Stefano Papetti, direttore della pinacoteca di Ascoli e l’autore del libro, Marco Corradi.

Moltissime le autorità anche in sala: il Presidente della camera di commercio di Fermo, Graziano Di Battista, i presidenti della Carifermo (Fondazione e SpA), Alberto Palma e Amedeo Grilli, il presidente del Tennacola, Daniele Piatti, il presidente della Steat, Fabiano Alessandrini e moltissimi sindaci dei comuni del territorio Fermano, soci della Ciip SpA.

400 pagine, tra foto, testo e antichi documenti, raccontano la storia delle acque e degli acquedotti delle due province del sud Marche. Una storia che inizia nel 1800 e guarda al futuro. Quel futuro che, grazie ai tanti investimenti effettuati dall’azienda, avrà certamente risvolti importanti nella gestione delle acque pubbliche.
Il presidente Alati ha infatti ricordato, tra le opere che sono in itinere, anche il progetto di risanamento dell’acquedotto del Pescara, recentemente approvato e finanziato per ben 27 milioni di € (leggi articolo).
Un progetto che si inserisce in un quadro più ampio di investimenti per 148 milioni di € negli ultimi anni.  Un lavoro molto importante per il territorio e apprezzato dai presenti che hanno manifestato, con un sentito applauso, riconoscenza ad Alati per il grande lavoro svolto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X