facebook twitter rss

Nuova guida della Lonely Planet,
entra anche il trekking sui Sibillini

FERMO - Giacomo Bassi, collaboratore della casa editrice australiana, ha annunciato un suo ritorno nella nostra regione per un aggiornamento della guida. Un capitolo speciale sarà dedicato al turismo in montagna
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

Che le Marche siano una delle regioni meno conosciute continuiamo a ripetercelo da tanto, troppo tempo. Che siano in atto politiche, a tutti i livelli, per aumentarne la visibilità è un dato di fatto, nonostante le ripercussioni della fase post sisma. Se però, a raccontare la nostra terra arriva, anzi, torna una realtà come la Lonely Planet ecco che le aspettative salgono vertiginosamente.

“Vale la pena visitare questa regione per le sue infinite bellezze”: così Giacomo Bassi, collaboratore della casa editrice australiana, intervenuto via Skype in occasione della presentazione del libro “Le Marche con i bambini”, scritto da Vissia Lucarelli, Lucia Paciaroni e Silvia Alessandrini Calisti per la Giaconi Editore.

“Se c’è un posto del cuore nelle Marche direi che è il palazzo Ducale di Urbino” ha aggiunto Bassi, che ha annunciato il suo ritorno in terra marchigiana. “Le guide Lonely Planet vengono aggiornate ogni due anni. Bisogna sempre controllare. Nelle Marche, poi, il terremoto ha cambiato qualcosa. Abbiamo fatto un lavoro capillare come redazione, con una guida di più di 300 pagine, dando spazio anche a posti che oggi non sono accessibili o lo sono parzialmente. Dovremmo andare a rivederli, capire cosa è cambiato e presumibilmente dovremmo rivedere la struttura, togliendo qualcosa. Per questo abbiamo pensato di dedicare un capitolo al trekking. Rimarrò da voi complessivamente un mese, tra maggio e luglio, rifacendo i tanti chilometri già fatti e provando a scoprire cose nuove”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X