facebook twitter rss

Con Francesco ed Ignazio Moser per
lanciare la Granfondo di Porto Sant’Elpidio

CICLISMO - Serata imperdibile con la coppia legata a doppio filo alla storia della disciplina in sella alle due ruote. Primo appuntamento nel tardo pomeriggio, presso la sala conferenze Loriblù, per poi proseguire a cena al ristorante Il Gambero. Domattina, inoltre, pedalata amatoriale aperta a tutti in compagnia del campione che fu
Print Friendly, PDF & Email

Ignazio e Francesco Moser

PORTO SANT’ELPIDIO – Appuntamenti da non mancare quelli in programma questa sera tra la sala conferenze Loriblù ed il ristorante Il Gambero. Si parte alle 18.30 nel domicilio del noto brand calzaturiero per proseguire banchettando, ovviamente all’ora di cena, in compagnia della coppia protagonista di giornata, Francesco ed Ignazio Moser. 

Il tandem legato a più mandate alla storia del ciclismo di ieri e di oggi presenterà la sesta edizione della Granfondo di Porto Sant’Elpidio, in programma lunedì di Pasqua, 2 aprile, e non mancherà poi di regalare alla platea presente il rinnovato appuntamento con “Mio padre, una leggenda“.

Vincenzo Santoni

A tracciare la rotta che caratterizzerà la coda della giornata corrente il trait d’union tra le manifestazioni in analisi: il noto organizzatore di eventi su due ruote Vincenzo Santoni.

Francesco Moser era già venuto a dicembre per la serata di beneficenza allestita in onore dei Santuari dell’Ambro e della Corva, quest’oggi sarà invece tra noi per il lancio della Granfondo di Porto Sant’Elpidio, corsa giunta alla sesta edizione che vanta addirittura 450 iscritti a dieci giorni dalla chiusura delle adesioni. Parliamo di un evento partito in sordina – precisa Santoni -, cresciuto poi nel corso degli anni per come narrano i numeri. L’edizione 2018 transiterà per venti comuni del territorio provinciale, arrivando al picco massimo di Montelparo per il Gran Premio della Montagna, grazie anche alla collaborazione del sindaco locale Marino Screpanti. Un grazie va anche al nostro primo cittadino Nazareno Franchellucci ed all’assessore allo sport Milena Sebastiani, senza dimenticare le forze dell’ordine ed i volontari che renderanno il tracciato su strada sicuro. Citazione doverosa va anche agli sponsor, che come noi credono nel mix, solido ed indissolubile, dato da ciclismo a far rima con promozione territoriale. Le aziende partner rendono così la partecipazione alla Granfondo del tutto gratuita, un dettaglio di non poco conto considerando che altrove non è così”.

Santoni prosegue. “Posso vantare una bella amicizia con Francesco e suo figlio, con quest’ultimo seguito dal pubblico femminile per la partecipazione al Grande Fratello – ironizza simpaticamente l’organizzatore -, io invece lo stimo per la disciplina che pratica, vale a dire quella in sella alle bici a scatto. Con entrambi proseguiremo la serata dando seguito, prima di cena, alla serie “Mio Padre, una leggenda” appuntamento che precedentemente ci ha visti predisporre incontri con i figli di Gino Bartali, Fausto Coppi e, spostandoci su altre discipline sportive, con il figlio di Maradona – ha illustrato -. Con noi, a suo tempo, nel merito anche i genitori di Marco Pantani per parlare del noto e sfortunato Pirata“.

La ricca carrellata griffata Moser non si esaurisce qui. “Prima che Francesco ci saluti, domattina dalle 9.00 e con punto di ritrovo presso il negozio Tutti Campioni Bike Store, sarà protagonista ad un rinnovato meeting in sella alle bici con il “Pedala con noi ed un Campione” per una passeggiata tranquilla e, chiaramente, senza nessun costo di partecipazione alcuno per chi vorrà presentarsi al via, al netto del vincolo dell’iscrizione preventiva affatto obbligatoria. Mi preme però sottolineare ancora una volta – il congedo di Santoni – la bontà del ciclismo come vettore promozionale delle nostre splendide terre, spalmate tra il mare Adriatico ed i monti Sibillini. Una delizia naturale che meriterebbe, come già esternato in momenti recenti, la costante della pista ciclabile tracciata lungo il vecchio percorso ferroviario sull’asse Porto San Giorgio-Fermo-Amandola“.

Paolo Gaudenzi

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti