facebook twitter rss

Fermo 2006-2018,
il ricordo di Bruno Trentin

EVENTI - All'iniziativa della Cgil di martedì 27 marzo interverranno Angelo Ferracuti, Claudio Treves, Walter Cerfeda e la segretaria regionale Daniela Barbaresi
Print Friendly, PDF & Email

Martedì 27 marzo, alle ore 17 nella sala consiliare della Camera di Commercio, si terrà un’iniziativa pubblica, organizzata dalla Cgil di Fermo sull’ultimo intervento pubblico di Bruno Trentin che tenne a Fermo nel 2006.

Dopo qualche settimana da quell’iniziativa, infatti, ebbe un incidente in bici che dopo alcuni mesi lo portò alla morte. Bruno Trentin, partigiano, sindacalista, sino a ricoprire la massima carica di segretario generale della Cgil, poi parlamentare europeo ma, soprattutto, un grande intellettuale del movimento operaio.

La sua presenza a Fermo fu in occasione della presentazione del libro di Angelo Ferracuti“Le risorse umane” ed il suo intervento precursore sui cambiamenti del lavoro, rapì letteralmente i presenti, per la sua profondità, ricchezza ed essenzialità.

“La sua analisi sul mondo del lavoro, già allora fortemente in difficoltà, precarizzato e frammentato con tutti i risvolti drammatici – sottolinea il segretario provinciale della Cgil Maurizio Di Cosmo – è straordinariamente attuale. Già allora la sua analisi si occupava di precarietà come perdita della libertà, di scelta e di vita, la libertà di programmare il futuro negata dai ricatti subiti sul lavoro.

Per capire e approfondire i tempi che corrono in relazione ai cambiamenti nel mondo del lavoro e, perlustrare alcune indicazioni di fondo per l’azione politico-sindacale nel percorso di emancipazione dei lavoratori, martedì prossimo riascolteremo questo intervento e ne discuteremo con Angelo Ferracuti, scrittore, Claudio Treves, segretario generale del Nidil Cgil (la categoria che si occupa dei lavoratori precari, nuovi lavori etc.), Walter Cerfeda, presidente regionale dell’Ires (Istituto di Ricerca Economica e Sociale) Cgil, e Daniela Barbaresi, segretaria generale della Cgil Marche”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X