facebook twitter rss

La Stagione Concertistica fermana prosegue con il recital del pianista Ilya Maximov

FERMO – Talento precoce, Maximov a soli otto anni tiene il suo primo concerto con la Philharmonic Orchestra. Ha tenuto recital in sale da concerto in tutto il mondo ed ha vinto più di 15 concorsi, dallo Chopin al Maria Canals di Barcellona fino al Viotti nel 2015
Print Friendly, PDF & Email

Dopo lo strepitoso successo del concerto del chitarrista Claudio Marcotulli e del coro del Teatro V.Basso di Ascoli Piceno che hanno incantato il pubblico regalando atmosfere magiche, domenica 25 marzo alle ore 17 nell’auditorium “Billè” del Conservatorio, la Stagione Concertistica fermana prosegue con il recital del pianista Ilya Maximov.
Si tratta di un’altra punta di diamante della Stagione in quanto il pianista russo è reduce dal prestigioso Concorso Internazionale “Viotti” che ha vinto sbaragliando pianisti provenienti da tutto il mondo.  “…ha grande talento e sensibilità…- ha detto di lui la grande Alicia de Larrocha – Nell’interpretazione dimostra passione e coinvolgimento, qualità che fanno di lui un pianista destinato ad una brillante carriera.”
E questo talentuoso fuoriclasse della tastiera proporrà al pubblico fermano un programma brillante e particolarmente impegnativo.
Il concerto si apre con la Sonata k310 di Mozart seguita da una delle Sonate capolavoro di Beethoven, l’op.10 n.3. Nella seconda parte, l’Elegia op.3n1 di Rachmaninov dal sapore tardo romantico e la Sonata n.6 op.82 di Prokofiev che farà immergere il pubblico nel pianismo estroso, effervescente, carezzevole, brillante, trascinante, virtuosistico e melodico del compositore russo.
Talento precoce, Maximov a soli otto anni tiene il suo primo concerto con la Philharmonic Orchestra. Ha tenuto recital in sale da concerto in tutto il mondo ed ha vinto più di 15 concorsi, dallo Chopin al Maria Canals di Barcellona fino al Viotti nel 2015. Nel 2014 ha conseguito il Master con lode al Royal College of Music di Londra.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti