facebook twitter rss

Prima categoria, la
panoramica di giornata

CALCIO - Pari per l'Elpidiense Cascinare nel girone C, rullo compressore nel gruppo D la capolista Palmense, ad imporre il poker nel derby al cospetto del Piane di Montegiorgio. Contro pronostico la vittoria del fanalino Montegranaro, a stoppare in terra veregrense la rincorsa al vertice della vice capolista Castignano
Print Friendly, PDF & Email

Il calcio d’inizio di Usa Santa Caterina-Pagliare. Foto Leonardo Lucattelli

FERMO – Nulla di fatto nel girone C tra l’Elpidiense Cascinare e la compagine ospitata dell’Urbis Salvia. Lo 0-0 che scaturisce al triplice fischio genera però quel punto necessario nelle economie degli elpidiensi a scavalcare il Montelupone in ottica playoff: 46 punti e primo posto utile nella relativa griglia. Una bella prospettiva di fine stagione se non fosse, però, sterilizzata dal fatto che in zona podio si veleggia con oltre 20 punti di vantaggio, più del doppio cioè di quanto necessario per impedire la disputa del primo turno spareggi.

Analizzando il quadro delle risultanze del gruppo D, ad alta concentrazione di compagini di provincia, ecco la caduta interna dell’Usa Santa Caterina che ha subito il blitz del Pagliare, ad imporsi per 2-3. Altra vittoria corsara, ma nel derby tutto fermano, quella messa a segno dall’Amandola nella tana della Grottese per 1-2. 1-1 invece l’epilogo del confronto tra Monsampietro Morico e Cuprense. Scivolato sul fondo amico anche il Montottone New Generation, regolato per 2-3 dall’Offida. Roboante il successo della capolista Palmense nell’altro derby Made in Fermano, dove ha pagato pegno per 4-0 il Piane di Montegiorgio. Nulla di fatto tra Petritoli e Villa Sant’Antonio, con la gara chiusa sullo 0-0. In coda, colpo di reni del fanalino Montegranaro, a far rispettare la legge dello stadio “La Croce“, valsa il 3-2 sul Castignano vice capolista.

In graduatoria continua la marcia di vetta per la Palmense,  così come quella playoff per la sempre più sorprendente matricola Amandola. Monsampietro Morico e Piane di Montegiorgio transitano in una pressoché tranquilla situazione di centro classifica, a differenza dell’Usa Santa Caterina che galleggia appena sopra la griglia per gli spareggi salvezza. In ambito playout ecco la Grottese, prima società ad esserne invischiata, con la zona franca a portata di mano. Situazioni più delicate per Montottone New Generation ed ancor più Petritoli. Al momento condannato il Montegranaro nonostante il positivo sussulto di giornata. Ma i giochi sono ancora aperti, pur non dimenticando la tagliente regola dei dieci punti di distacco in vigore anche tra le spareggianti per la salvezza. Un elemento che renderebbe sterile la disputa delle gare playout regalando la permanenza meritocratica a chi ha accumulato più fieno in cascina durante la stagione regolare. Il tutto chiaramente a scapito di chi, nello stesso lasso di tempo, ha invece corso meno.

Paolo Gaudenzi


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti