facebook twitter rss

Annuario scolastico interattivo
per rimettere studenti al centro della scuola

FERMANO - Un annuario interattivo, personalizzabile, per studenti di ogni ordine e grado. A presentarlo i Giovani Imprenditori di CNA e la start app Chirone
Print Friendly, PDF & Email

di Alessandro Giacopetti

In tempi di comunicazione globale, di esposizione della propria immagine sui social network, di condivisione di video e foto in tempo reale arriva #becomeanicon. Un annuario scolastico interattivo, sullo stile di quello presente in istituti e università statunitensi o britanniche. E’ quello presentato oggi da CNA Territoriale Fermo e gruppo Giovani Imprenditori nella sala conferenze in Camera di Commercio a Fermo. Obiettivo: trattenere su carta il continuo fluire di immagini, foto e contenuti virtuali, ma anche le esperienze che hanno caratterizzato l’anno scolastico. La start up Chirone lo distribuirà nelle scuole aderenti al progetto dopo aver realizzato una giornata di presentazione agli studenti. Illustrato nel corso della conferenza anche il potenziamento dell’azione di CNA Fermo nel rapporto tra mondo scolastico e mondo dell’impresa. Fermo, Monte Urano, Sant’Elpidio a Mare, Porto Sant’Elpidio, Porto San Giorgio, sono i Comuni che hanno patrocinato l’iniziativa. Si estenderà anche al mondo del web e dei social network attraverso la nascita del sito www.becomeanicon.it e relativi canali Facebook e Instagram dove utilizzare lo stesso hashtag.

Alessandro Migliore, direttore generale CNA Fermo, ha contestualizzato il progetto all’interno “dell’alternanza scuola-lavoro portata avanti da CNA e Camera di Commercio che ha permesso di introdurre nelle scuole pillole di economia, modalità di realizzazione di businness plan aziendali, modalità di accesso al credito. Porteremo questo progetto all’Istituto Montani, all’Ipsia Ricci, all’Alberghiero di Porto Sant’Elpidio”.

Lorenzo Cognigni, presidente Giovani Imprenditori CNA Fermo, ha spiegato che “l’idea è nata dal fatto che lavoro nell’ambito del commercio e che ho a che fare con i giovani. Siamo quindi partiti dalla domanda: come coinvolgerli e come valorizzarne le idee?”

La risposta arriva da Lucia Clementi, Manager del progetto e cofondatrice della start app Chirone: “in un presente molto segnato dall’uso dei social network e da internet l’annuario scolastico interattivo è uno strumento che può aiutare gli studenti a rappresentare la scuola come palestra di vita”.

Alessandro Capitani Guerra, si è occupato di grafica e disegno: “è molto colorato, in stile pop, riportando nella grafica un collage di simboli e nomi provenienti dal web. Alcuni layout dell’annuario sono personalizzabili e colorabili. Sono pensati per essere accattivanti e mirati a bambini delle elementari, delle medie e delle superiori. Si possono inserire foto e immagini del preside e dei professori, c’è la pagina dediche, le esperienze sul cibo, sulla musica. Sarà possibile personalizzarlo a seconda delle esigenze di ciascuna scuola nella grafica e nei temi”.

Marco Costi, psicologo e psicoterapeuta, che lavora sia alle elementari che alle superiori aggiunge: “ciò che mi colpisce della scuola è che non metta gli studenti al centro. Inoltre non c’è uno strumento per rilevare la soddisfazione dell’utenza, cioè per sapere se gli studenti sono felici del prodotto o meno. L’ annuario restituisce centralità allo studente perché conferisce senso di appartenenza. Il messaggio è: la scuola siete voi. Inoltre è interattivo perché può essere condiviso con persone lontane”.

Le modalità con le quali l’annuario arriverà negli istituti del Fermano le ha fornite ancora Lucia Clementi: “la vendita verrà proposta agli organi scolastici competenti in una giornata totalmente dedicata a Chirone. Il progetto pilota partirà con il Polo scolastico Carlo Urbani, poi si estenderà alle altre nell’anno scolastico 2018-2019. Un paio di mesi prima della fine dell’anno verrà consegnato agli studenti per essere personalizzato”.

In apertura di presentazione Paolo Calcinaro, sindaco di Fermo, aveva ricordato che “la start up Chirone, come le altre, va appoggiata dalle istituzioni. Per questo all’interno del progetto sull’ITI urbano è previsto un finanziamento per supportare il talento giovanile del territorio”.

“Se avessi potuto averlo ai tempi in cui andavo a scuola, avrei fatto una esperienza diversa – ha esordito Stefano Pompozzi, vicepresidente della Provincia di Fermo che ha sottolineato due aspetti – l’annuario si colloca tra il tradizionale diario e l’esasperato uso della rete e dei social network. Questi ci permettono di ricercare significati e persone in tempo reale, ma hanno aspetti sia positivi che negativi. L’annuario accentua il lato positivo, ed è quel tassello mancante per raccogliere il bagaglio educativo fornito dalla scuola in maniera moderna per poi poterlo condividere”.

Sul discorso start up, Graziano di Battista, presidente della Camera di Commercio, ha ricordato che “in questo momento chi si ingegna con nuove attività economiche assume una valenza imprenditoriale e sociale per il territorio. Oggi serve specializzazione. Un tempo si entrava in azienda per imparare a fare tutto. Oggi, invece, si punta sull’acquisizione di specifiche competenze, come quelle relative all’uso corretto dei social network, del web e della comunicazione multimediale che hanno tutti il proprio linguaggio”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X