facebook twitter rss

“De Passione Christi”,
una mostra tra arte e fede

FERMO - Un viaggio che racconta attraverso incisioni antiche dal XVI al XIX secolo, il cammino verso il calvario di Gesù Cristo. La mostra inaugurata sabato scorso nella Chiesa Cristo Amore Misericordioso
Print Friendly, PDF & Email

 

Un’iniziativa fra arte e fede, un viaggio che racconta attraverso incisioni antiche dal XVI al XIX secolo, il cammino verso il calvario di Gesù Cristo. E’ questo “De Passione Christi”, la mostra inaugurata sabato scorso nella Chiesa Cristo Amore Misericordioso di Fermo alla presenza di numerose autorità cittadine, fra cui il sindaco Paolo Calcinaro che ha espresso i rallegramenti per l’allestimento e le congratulazioni, oltre che di tanto pubblico. In occasione della Pasqua la Parrocchia Cristo Amore Misericordioso e l’Associazione Culturale “La Luna” hanno promosso un progetto che coniuga religione e cultura in un connubio che offre ai fedeli un contributo a metà strada tra fede ed arte.

Durante questa Settimana Santa e fino al 3 aprile sarà possibile visitare tutti i giorni dalle ore 17 alle 19 questa importante e interessante mostra di incisioni antiche.

Visitando l’esposizione ci si ritroverà in un itinerario artistico-spirituale ricco di immagini impregnate di dolore, fino a raggiungere la bellezza salvifica della Resurrezione.

Preziosa e rara questa raccolta curata in ogni particolare e strettamente legata ai passi del Vangelo che, attraverso la raffinatezza delle stampe antiche, offre all’analisi dei visitatori la maestrìa e la sensibilità che gli incisori del passato hanno nel trattare soggetti religiosi di grande impatto emotivo; ancor più preziosa e particolare perché queste immagini, di profondo valore spirituale, possono essere il punto di partenza e di riferimento per una riflessione individuale e collettiva sul vero significato della morte e resurrezione di Gesù Cristo permettendo di riflettere e di vivere fino in fondo il mistero pasquale.

L’intera mostra proviene dalla collezione privata di Antonio Zappalà a cui vanno i ringraziamenti per la disponibilità e la possibilità offerta di ammirare opere incisorie di indiscusso valore artistico.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti