facebook twitter rss

Il tema dell’amicizia nel nome di Carlo Urbani: tutti i premiati al concorso giornalistico

PORTO SANT'ELPIDIO - Il premio va nella sezione video ai lavori di Francescsa Belli, Marta Trocchianesi e Anna Giandomenico, ed al 4B Liceo scientifico di Montegiorgio, mentre gli articoli migliori sono stati quelli di Marianna Locatelli e Giada Valerio
Print Friendly, PDF & Email

 

 

 

La terza edizione del Premio giornalistico Carlo Urbani va in archivio all’insegna dell’amicizia. Era proprio questo il tema scelto dagli organizzatori del concorso, su cui gli studenti del Polo scolastico Urbani si sono misurati redigendo articoli di giornale o brevi video. Un valore da declinare con riferimento all’esempio del medico marchigiano, di cui ricorrono i 15 anni dalla morte, il primo a declinare e classificare la Sars, o polmonite atipica, malattia che gli costò la vita.
Una mattinata intensa, tra testimonianze, musica, premi ed intrattenimento. Ad accompagnare i vari momenti della mattinata le ottime esibizioni della Carlo Urbani chior and symphony orchestra, diretta dal preside Roberto Vespasiani. Padrone di casa, sul palco del Teatro delle api, il giornalista Vincenzo Varagona. Un premio fortemente voluto, quello ideato dal polo scolastico che racchiude i plessi superiori di Porto Sant’Elpidio, Sant’Elpidio a Mare e Montegiorgio. Nutrita la partecipazione al concorso, che ha visto una giuria di insegnanti e giornalisti valutare oltre 80 articoli di giornale ed una decina di elaborati video.

Per le Amministrazioni comunali c’erano il sindaco di Porto Sant’Elpidio Nazareno Franchellucci con l’assessore alla cultura Monica Leoni e l’assessore di Sant’Elpidio a Mare Gioia Corvaro.
Divertente ed applauditissima la performance di padre Gianfranco Priori, in arte Frate Mago. Il religioso ha catturato la platea di studenti con i suoi simpatici giochi di prestigio. Significativa la testimonianza di Tommaso Urbani, figlio del medico e presidente da qualche tempo dell’associazione Carlo Urbani. “Credo che amicizia significhi solidarietà ed aiuto, delle qualità che non richiedono particolari competenze e che chiunque nel proprio piccolo può offrire. Non dovete vedere mio padre come una figura astratta, era una persona semplice e generosa. Sono grato al Polo Urbani non solo per aver intitolato l’istituto scolastico a mio padre, ma perchè questo è stato il culmine di un percorso che ha coinvolto attivamente i ragazzi. Qualsiasi cosa nella vita è una relazione tra persone. Il rispetto e l’ascolto sono la base di ogni relazione”.

Al termine, il momento delle premiazioni, salutate dagli scroscianti applausi della platea del teatro.
Diversi gli ex aequo, a partire dal primo premio nella sezione video. Se lo sono diviso i lavori “Amicizia come accoglienza e accettazione” di Francescsa Belli, Marta Trocchianesi e Anna Giandomenico, e “Semplicemente un’amicizia speciale” del 4o B Liceo scientifico di Montegiorgio. Pari merito anche al secondo posto tra “Un amico non è” di Barbara Andrenacci, Alexandra Asmarandei, Brian Cappella e Samuele Tosti, con “Progetto Inferno” di Federico Acquaviva, Asia Calvà, Paolo Catinari, Eduard Ganea, Laura Mandolesi, Michela Marziali, Stefano Pignotti, Ugo Santoni. Ex aequo che ricorre al terzo posto tra “Shukran” della classe 1o D sociosanitario di Sant’Elpidio a Mare e “Un mondo a colori” di Roman Madalina, Alessandro Martina, Alice Mascherpa, Elena Minnucci, Sara Montelpare e Sara Sbattella.
Nella sezione articoli, si dividono il gradino più alto del podio le studentesse Marianna Locatelli e Giada Valerio. Secondo posto per Islem Fetoui e Federica Pepi, terze a pari merito Eleonora Serena ed il lavoro di Luca Cernetti e Lucia Mandolesi.

bty


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X