facebook twitter rss

Multe illegittime sulla Mezzina,
annullati altri 3 verbali

FERMO - Il giudice ha accolto la tesi dell'avv. Agostini, legale di un automobilista che aveva contestato 3 verbali; la segnaletica dell'autovelox era irregolare: "Si è cancellata dal segnale una parola, imbrattando il cartello di vernice"
Print Friendly, PDF & Email

Multe illegittime: un altro annullamento per gli eccessi di velocità sulla Mezzina. Il giudice di pace del Tribunale di Fermo Giuseppe Fedeli ha accolto stamattina un nuovo ricorso, il quinto presentato dall’avvocato Andrea Agostini, con cui un automobilista ha impugnato tre verbali per rilevamenti effettuati dall’autovelox lungo la provinciale Ete Morto. Ancora una volta, come già nelle precedenti sentenze, il tribunale ha accolto le tesi dei ricorrenti e cancellato le contravvenzioni.
Il caso riguarda il cambio di sistema di rilevamento, introdotto dal 10 agosto 2017 lungo la strada provinciale, con il passaggio da rilevamento della velocità media tramite tutor, ad istantanea, con autovelox. Una modifica che ha portato ad una raffica di multe, anche decine e decine nei confronti degli stessi automobilisti.

La sentenza di oggi si è concentrata in particolare sulla questione della segnaletica stradale. Un aspetto che era già stato toccato nei pronunciamenti precedenti, ma “ad abundantiam”, poichè il dato principale a determinare l’accoglimento dei ricorsi era stato la contraddittorietà dei verbali, in cui non si specificava con chiarezza con quale metodo di rilevamento si fossero accertate le infrazioni. Il giudice scrive nel dispositivo che “Dal segnale di controllo elettronico della velocità si è cancellata la parola media, così imbrattando il cartello di vernice”. Il pronunciamento sottolinea anche un altro aspetto: “Quantunque il nuovo sistema di controllo sia divenuto operativo il 10 agosto 2017, l’ordinanza di installazione della segnaletica stradale è stata pubblicata solo il 27 novembre e addirittura solo il 18 gennaio 2018 è intervenuto il decreto della Presidente della Provincia ad aggiornare la convenzione con la Provincia di Ascoli che consente lo svolgimento del nuovo sistema di controllo della velocità istantanea appaltato ad una ditta privata”. Tutte ragioni per cui, ancora una volta, la Provincia perde la causa e vede annullate le multe. La differenza rispetto alle sentenze del mese scorso è che stavolta si sono compensate le spese, mentre in precedenza la Provincia di Fermo, oltre a perdere la causa, si era vista condannata anche al pagamento degli oneri di lite.

Per quanto riguarda i casi seguiti dall’avvocato Andrea Agostini, quella di oggi è stata la quinta sentenza favorevole su 5 discusse in aula. Per le 4 sentenze del mese scorso la Provincia ha presentato ricorso e si discuterà in appello il prossimo 20 luglio. I ricorrenti assistiti da Agostini sono complessivamente 35.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X