facebook twitter rss

Violazione dei domiciliari
e ordine di carcerazione per rapina:
due arresti a Porto San Giorgio

PORTO SAN GIORGIO - In azione i militari dell'Arma della stazione cittadina guidati dal luogotenente Ruggiero Verroca. Dietro le sbarre sono finiti un marocchino e un campano
Print Friendly, PDF & Email

Intensa attività di repressione del crimine predatorio da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno che, in due distinte operazioni, hanno arrestato gli autori di tentato furto in abitazione e rapina. Entrambe a Porto San Giorgio. “I carabinieri della locale stazione, comandata dal luogotenente Ruggiero Verroca – comunicano i carabinieri – al culmine di accurate indagini, hanno arrestato un cittadino del Marocco, conosciuto alle forze dell’ordine e già agli arresti domiciliari per un tentato furto in abitazione, poiché violava continuamente gli obblighi imposti dall’autorità giudiziaria a cui i militari hanno riferito il tutto e che ha stabilito di aggravare la misura cautelare. L’uomo è stato quindi arrestato e tradotto al carcere di Fermo. Sempre a Porto San Giorgio, si diceva, i carabinieri della locale stazione, hanno identificato e arrestato un quarantacinquenne campano residente in zona, poiché risultato colpito da un ordine di carcerazione emesso dall’autorità giudiziaria di Napoli dovendo scontare una pena di cinque anni di reclusione per rapina e porto abusivo di armi commesso a Napoli nel 2016. L’uomo è stato quindi tradotto al carcere di Fermo.
L’azione dei carabinieri – fanno sapere i militari dell’Arma – continuerà sempre con maggiore dinamismo nella prevenzione e repressione dei reati in danno dei cittadini onesti, la cui collaborazione è fondamentale per raggiungere immediati risultati. Tutti sono, pertanto, invitati a chiamare subito il 112 in caso di bisogno, ovvero recarsi personalmente in caserma, nonché contattare l’Arma attraverso i canali telematici indicati sul sito www.carabinieri.it”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti