facebook twitter rss

Caso ‘Castagno’: assolti
anche in appello tutti i 4 imputati

SANT'ELPIDIO A MARE - Confermata la sentenza di primo grado, che aveva assolto due funzionari del Comune, il titolare e il progettista della società che ha costruito il polo commerciale in zona Brancadoro, Terrenzi soddisfatto: "Ora avanti con la procedura urbanistica"
Print Friendly, PDF & Email

Si chiude senza colpi di scena l’ultimo atto della querelle giudiziaria sul brand village il Castagno di Sant’Elpidio a Mare. La Corte di Appello di Ancona ha confermato ieri l’assoluzione per tutti i 4 imputati per il reato di lottizzazione abusiva, il titolare della società costruttrice Enrico Alici Biondi e il progettista Michele Le Grottaglie, asisstiti dall’avvocato Francesca Palma, i dipendenti comunali Massimo Granatelli e Patrizia Scaramazza, difesi dall’avvocato Massimo Ortenzi. Due anni fa il giudice del tribunale di Fermo Cesare Marziali aveva sollevato i 4 dalle accuse, perchè il fatto non costituiva reato. Un verdetto impugnato dalla Procura della Repubblica. Ma la Corte d’appello è stata del medesimo avviso. Per conoscere le motivazioni della sentenza occorrerà attendere alcune settimane.

Si rallegra il sindaco Alessio Terrenzi. “Prendo atto con soddisfazione della sentenza d’appello che ha confermato il giudizio di primo grado con l’assoluzione dei funzionari comunali. Ora si continuerà ad andare avanti con la procedura già avviata sia dal punto urbanistico che commerciale, nell’interesse pubblico”. La questione Castagno è stata una delle più complesse ed intricate vicende amministrativo-giudiziarie degli ultimi anni, con procedimenti penali ed amministrativi durati per anni. Il contenzioso si è concluso ormai due anni fa con un accordo tra tutte le parti coinvolte, che ha portato al ritiro delle cause pendenti. L’intesa prevedeva che la proprietà del brand village, il Castagno Agricola Forestale, versasse un milione di euro nelle casse del comune elpidiense, da destinare a finalità sociali, e di avviare le procedure per la messa in regola del polo commerciale, con il passaggio da media a grande struttura di vendita. Sotto questo aspetto l’iter è ancora in corso. A febbraio l’ultimo passaggio in Consiglio comunale, in cui sono stati approvati alcuni aspetti tecnici da inviare alla provincia di Fermo, che deve dare l’avallo alla procedura urbanistica. Quando l’ok arriverà servirà un ultimo passaggio consiliare per il via libera alla trasformazione in grande struttura.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti