facebook twitter rss

Baratto amministrativo,
ora è davvero realtà

MONTE SAN PIETRANGELI - I cittadini, con reddito familiare Isee al di sotto dei 13 mila euro, potranno di fatto pagare alcune imposte e tariffe attraverso la fornitura di servizi di pubblica utilità
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco Paolo Casenove

Annunciato da mesi, ora è davvero realtà. Con la pubblicazione dell’avviso pubblico nei giorni scorsi, parte a tutti gli effetti a Monte San Pietrangeli il baratto amministrativo: i cittadini, con reddito familiare Isee al di sotto dei 13 mila euro, potranno di fatto pagare alcune imposte (Imu e Tari) e tariffe (trasporto scolastico, asilo nido, lampade votive) attraverso la fornitura di servizi di pubblica utilità.

Le domande potranno essere presentate dai cittadini residenti nel corso del prossimo mese (scadenza il 14 maggio) presentando una domanda attraverso i moduli precompilato già a disposizione in municipio dove indicare, oltre alle generalità, l’attività che si intende andare ad effettuare tra quelle proposte dal Comune, quali disponibilità orarie si danno e quale tributo/tariffa si andrà a stornare attraverso il baratto. Le ore/uomo nell’ambito dei progetti di attività sono considerate valorizzate alla cifra di 9 euro ad ora; nella contabilizzazione vanno aggiunte le spese assicurative, di formazione e dispositivi per la normativa sulla sicurezza del lavoro.

Il singolo progetto presentato autonomamente da ogni cittadino non può avere un valore di controprestazione inferiore a 360 euro al netto delle spese accessorie che sono da quantificarsi a cura del Comune. L’istanza del cittadino di partecipazione ai progetti comunali o la sua prestazione singola in progetto autonomo non può essere inferiore a 15 ore, per un valore complessivo di 135 euro.

Ogni cittadino può presentare un progetto tra quelli impostati dal Comune o presentarne uno proprio in autonomia. Tra quelli avviati dal Comune si può scegliere tra: pulizia ordinaria di parco comunale ed aree verdi (70 ore); pulizia ordinaria degli immobili comunali (48 ore); pulizia ordinaria del cimitero (48 ore); operazioni di facchinaggio a supporto del personale comunale (4 ore); supporto alla raccolta rifiuti (16 ore). I progetti autonomi dovranno vertere essenzialmente sugli stessi ambiti, modulando però contenuti ed orari.

Marco Pagliariccio


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X