facebook twitter rss

“L’arte creativa che sa appassionare”, gli artisti della costa marchigiana in mostra a Falconara

FALCONARA - Tra gli artisti anche Savino Marè. Il catalogo realizzato si prefigge lo scopo di promuovere l’arte degli artisti marchigiani nelle sue varie declinazioni: dalla figurativa all’incisione, dalla scultura alla pittura.
Print Friendly, PDF & Email

Il fermano Savino Maerè, uno degli artisti in mostra a Falconara

Sala Conferenze del Centro Culturale Pergoli di Falconara Marittima in piazza Mazzini  gremita lo scorso sabato pomeriggio per la cerimonia ufficiale di inaugurazione dell’interessante e variegata mostra di artisti contemporanei dal significativo titolo “L’Arte che sa appassionare” – La costa marchigiana e il suo territorio nel contemporaneo – patrocinata con entusiasmo e lodevole intento dal Comune di Falconara Assessorato Cultura e Turismo in collaborazione con il CART – Centro documentazione per l’Arte contemporanea.

L’assessore alla cultura e vicesindaco, nonché preside del Liceo Cambi, Stefania Signorini, nell’introdurre l’atteso evento ha dato il benvenuto agli illustri ospiti al suo fianco, il critico d’arte Prof. Giorgio Gregorio Grasso, al famoso incisore e maestro Carlo Iacomucci e ai due promotori ed ideatori di questa kermesse artistica e culturale di alto profilo qualitativo, gli artisti Sandro Carloni ed Alberto Copparoni e, naturalmente, a tutti gli artisti convenuti ed al numeroso e selezionato pubblico presente in Sala. L’ assessore ha inoltre evidenziato che quest’iniziativa si colloca giustamente all’interno della promozione del caffè Letterario del nostro Centro Pergoli e che l’apposito catalogo realizzato si prefigge lo scopo di promuovere l’arte degli artisti marchigiani nelle sue varie declinazioni: dalla figurativa all’incisione, dalla scultura alla pittura.

La parola è subito dopo passata al noto storico e critico d’arte Giorgio Grasso il quale ha catturato per un’ora l’ascolto e l’attenzione partecipe di tutti presentando ed illustrando con dovizia di spunti ed annotazioni critiche il suo arguto ed originale saggio “Il critico e le modelle”- Il romanzo dell’arte nella voce delle sue protagoniste -, compiendo uno straordinario ed immaginario viaggio nel mondo della storia dell’arte. Servendosi di specifiche e congrue diapositive, egli ha brillantemente analizzato in una stimolante rassegna , a partire dall’arte rinascimentale fino all’arte figurativa del Novecento- dalla “Venere” di Botticelli alla splendida “Madonna” di Filippo Lippi, dalla “Dama dell’ermellino” (Cecilia Gallerani, celebre amante di Ludovico il Moro) e dalla “Vergine delle rocce “di Leonardo alla “Pietà” di Michelangelo e alla tragica “Beatrice Cenci” di Guido Reni, dai ritratti di Frida Khalo alla “Marylin Monroe” di Andy Warhol -, il rapporto fecondo e proficuo tra gli artisti più geniali e le proprie modelle nel corso della loro attività e produzione artistica. Pertanto il prof. Grasso ha focalizzato il ruolo preminente sostanzialmente assegnato eppure non del tutto riconosciuto alle figure femminili nell’arte figurativa fin dall’antichità , sicchè ci tiene a sottolineare che l’importanza della modella non va relegata solamente al semplice ruolo di musa, considerando anzitutto, per onor del vero, che buona parte del successo di un’opera o di un capolavoro di un grande artista è merito precipuo se non esclusivo e determinante della donna scelta come modella ed ispiratrice nell’esecuzione di un dipinto, una tavola o di una scultura.

Al termine dell’applaudito e lungo excursus dell’apprezzato curatore di eventi artistici nonché conduttore di programmi culturali, si sono susseguiti i brevi interventi di Sandro Carloni ed Alberto Copparoni, promotori dell’evento espositivo e curatori del pregevole catalogo che riporta il profilo ed il curriculum dei 28 artisti partecipanti, i quali hanno precisato che l’intento primario di questa mostra è quello di far incontrare e conoscere tanti artisti residenti ed attivi nelle province marchigiane grazie all’esposizione di opere e varie forme d’arte (pittura, scultura, arti visive, fotografia, manufatti ed assemblaggi di ricerca sperimentale) che si spera possa attirare al Museo CART di Falconara Marittima una marea di visitatori ed appassionati d’arte contemporanea. A questo punto hanno rivolto un caloroso plauso alla caldeggiata presenza del Maestro Carlo Iacomucci- già riconosciuto Cavaliere nel 2011 ed Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica nel 2017 per meriti artistici e culturali -, il quale ha ringraziato di cuore sia il Comune e l’attivissima assessora alla cultura Stefania Signorini sia i due promotori Carloni e Copparoni per il gradito invito a partecipare a quest’evento prestigioso ed unico nel suo genere con alcune sue opere insieme ad altri artisti marchigiani per testimoniare il viscerale legame affettivo con il territorio nativo e con un paesaggio ancora splendido ed ammirevole da tutelare nella sua incomparabile bellezza. Dopo il rituale taglio del nastro effettuato dalla sorridente Signorini affiancata dal critico Grasso e da Sandro Carloni nell’accogliente Caffè Letterario, giunti ai piani inferiori del Centro Pergoli ci siamo soffermati con curiosità ed interesse a visionare le opere esposte nelle varie sale, intrattenendoci e complimentandoci in particolare con alcuni artisti presenti che insieme al prof. Grasso hanno fatto da guida, l’incisore e pluripremiato Carlo Iacomucci, la poliedrica performer recanatese Amneris Ulderigi, gli estrosi e versatili artisti scrittori e fotografi Savino Marè di Lapedona (Fermo), Claudio Buffarini di Falconara e, naturalmente, con i promotori della lodevole proposta artistica e culturale Sandro Carloni e Alberto Copparoni.

Ecco ,quindi,l’elenco di tutti gli artisti che hanno aderito su invito al rimarchevole e prestigioso allestimento espositivo: Adino Amagliani, Amneris Ulderigi, Angeli Maristella, Armeni Guido, Berdini Teresa, Buffarini Claudio, Carboni Gaetano, Carloni Sandro, Cestarelli Vincenzo, Copparoni Alberto, Craia Silvio, Cutini Giorgio, D’Errico Matteo, Graziani Mauro, Iacomucci Carlo, Lanari Lanfranco, Lorenzini Giancarla, Marè Savino, Marinelli Giorgio, Piangerelli Piero, Piattella Oscar, Pucci Alceo, Sangiorgi Silvano, Sguanci Luca, Svitlana Maryni, Torcianti Franco, Torquati Sandra, Volpini Elsa.
La mostra sarà visitabile fino al 6 maggio presso il Centro Culturale Pergoli di Falconara Marittima in piazza Mazzini dal Martedì al Venerdì dalle ore 9,30 alle 18,30, Sabato e Domenica dalle ore 10,30 alle 12,30, dalle 17,30 alle 19,30;


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti