facebook twitter rss

Crollo del Montani, Cittadinanzattiva:
“Il nuovo Governo investa
sull’edilizia scolastica”

FERMO - L'associazione si rivolge al governo che verrà: "Preveda nel proprio programma la prosecuzione degli investimenti sull’edilizia scolastica, soprattutto per indagini diagnostiche di solai e controsoffitti, per interventi di adeguamento sismico ed efficientamento energetico, e di accelerare sulla mappatura delle reali necessità ed urgenze".
martedì 15 maggio 2018 - Ore 12:16
Print Friendly, PDF & Email

di Sandro Renzi

Dopo il crollo al Montani di Fermo, Cittadinanzattiva torna a chiedere a gran voce l’intervento delle istituzioni. “Eboli e Fermo sono solo gli ultimi due episodi, per fortuna senza aver procurato vittime, nella lista nera dei crolli improvvisi avvenuti nelle scuole italiane, come censito ogni anno da Cittadinanzattiva nell’annuale rapporto sulla sicurezza delle scuole. Solo nell’ultimo anno scolastico, abbiamo notizia, tramite la stampa locale, di circa 30 crolli di varia entità e natura” si legge nella nota diffusa dall’associazione. “Aspettando che venga fatta chiarezza al più presto sui due episodi, vogliamo sottolineare al nuovo Governo la centralità delle politiche della scuola, a partire da quella più urgente dell’edilizia scolastica”  dichiara Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva. Nel mirino finiscono le poche risorse a disposizione per intervenire sui plessi scolastici. “Oltre a ciò, individuare le scuole che versano in situazioni gravi e investire sui nuovi edifici restano ancora chimere perché l’Anagrafe nazionale risulta ancora non aggiornata, il programma per la costruzione di scuole nuove è stato ulteriormente rallentato, le verifiche di vulnerabilità sismiche sono ancora molto indietro”.
Da qui la richiesta formale di Cittadinanzattiva al nuovo Governo “di prevedere nel proprio programma la prosecuzione degli investimenti sull’edilizia scolastica, soprattutto per indagini diagnostiche di solai e controsoffitti, per interventi di adeguamento sismico ed efficientamento energetico, e di accelerare sulla mappatura delle reali necessità ed urgenze (Nuova Anagrafe dell’Edilizia Scolastica) stabilendo patti di collaborazione chiari, in base alle specifiche competenze e responsabilità, con Comuni, Province, Regioni, Ministero dell’Istruzione”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X