facebook twitter rss

Montegiorgio nel segno della
continuità, avanti con Massimo Paci

ECCELLENZA - I rossoblù neo promossi in D grazie alla vittoria del massimo circuito dilettantistico regionale confermano la guida tecnica. "A breve con il diesse Zeno Cesetti inizieremo a valutare quanto di competenza per la costruzione della rosa. Gli under? In qualsiasi ruolo, purché forti e motivati" parola dell'ex difensore centrale prof oggi al comando dell'undici montegiorgese
Print Friendly, PDF & Email

Un immediato dopo gara di stagione

MONTEGIORGIO – Tecnicamente la stagione sportiva termina, da regolamento, il prossimo 30 giugno. E’ ovvio, però, che in seno alle stanze dei bottoni dei principali sodalizi calcistici è già partita, fatto salvo per chi ancora in corsa tra playoff e playout, la pianificazione del campionato venturo, 2018/19.

Tra questi ecco il Montegiorgio, da qualche settimana ad avere idee ed orizzonte operativo ben chiaro. Il sodalizio presieduto dal Lanfranco Beleggia parte, anzi, riparte sotto il segno del trainer campione di Eccellenza, Massimo Paci, e con lui molto probabilmente ci sarà ancora il vice Andrea Del Gatto.

Per il primo, dunque storico, campionato di Serie D la matricola rossoblù conferma quindi la guida tecnica che ha recentemente trionfato nel massimo circuito regionale dilettantistico.

“A breve ci incontreremo con il direttore sportivo Zeno Cesetti e cominceremo a valutare la squadra della prossima stagione – commenta il diretto interessato, Paci -. Al momento non sono state aperte analisi nel merito. Gli under (giocatori giovani, a cavallo tra le ultime annate del settore giovanile ed i primi potenziali in prima squadra, in campo titolari da regolamento, ndr)? A differenza di molti tecnici che li gradiscono in determinati ruoli, spesso laterali, a me non importa: l’unica pregiudiziale riguarda l’aspetto tecnico e, non meno, caratteriale. Vanno bene in tutti i ruoli, purché siano dotati tecnicamente e, detto questo, siano anche motivati nell’accettare la piazza di Montegiorgio“.

Paolo Gaudenzi


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti