facebook twitter rss

Le novità in oculistica:
dal biomicroscopio al pachimetro e OCT,
dalla diagnosi alla cura

Print Friendly, PDF & Email

 

La vista è il più importante dei nostri cinque sensi e nel corso della vita può incontrare problemi che vanno immediatamente riconosciuti, monitorati e curati. Le patologie dell’occhio sono molteplici e necessitano di un’accurata prevenzione, laddove possibile, di diagnosi precoci e di un’efficace terapia finalizzata alla piena guarigione o alla riduzione dei danni permanenti. La moderna tecnologia offre strumenti all’avanguardia in grado di effettuare diagnosi con la massima precisione come la lampada a fessura (o biomicroscopio), l’autorefrattometro e il tonometro (per la misurazione della pressione dell’occhio), pachimetro, l’OCT ed il campo visivo che sono fondamentali nella diagnosi e nella cura di patologie gravi ed invalidanti che necessitano di controlli puntuali, profondi e scrupolosi, al fine di poter vagliare la cura più efficace e personalizzata.

 

Campo visivo

Entrando nel dettaglio, l’OCT è uno specifico strumento che consente di studiare le varie strutture dell’occhio, cioè la retina, il nervo ottico e la cornea, pertanto è in grado di riconoscere note patologie come il glaucoma e la maculopatia, principali cause della cecità, così come la retinopatia diabetica. L’OCT, ha altresì il merito di aver ridotto il ricorso alla florangiografia retinica, esame più invasivo e conseguentemente fastidioso per il paziente. Il “Campo Visivo” è invece un macchinario che corrisponde agli ultimi standard internazionali, fondamentale per la diagnosi di molte malattie, mediante test di soglia e screening: studia la progressione ad esempio del glaucoma per adeguare la terapia. Inoltre con esso si effettua la valutazione utile per attestare i requisiti richiesti dalla patente di guida, anche di categorie speciali, per le certificazioni di cecità e o di stato di ipovisione.

 

Il dott. Michel Gerald Lalanne, direttore dell’Istituto Medico Palmatea

La strumentazione all’avanguardia descritta è in dotazione allo staff di oculistica del Centro Medico Palmatea: “Abbiamo voluto investire in macchinari di ultima generazione che possano essere utilizzati per salvaguardare la vista del neonato e dell’adulto – spiega il direttore dell’Istituto, il dott Michel Gerald Lalanne – la prevenzione, la diagnosi e la cura di eventuali patologie necessitano di controlli specialistici e di alta tecnologia. Palmatea può soddisfare le più svariate richieste, sia per età che per patologia. In ambulatorio, infatti, il nostro esperto staff di oculistica, può effettuare il controllo della vista per la prescrizione di occhiali e/o lenti, visitare i bambini con tanto di valutazione ortottica per individuazione e cura di eventuale strabismo, diagnosticare le varie malattie come il glaucoma o la retinopatia diabetica ed eseguire il test per attestare i requisiti richiesti dalla patente di guida, anche di categorie speciali, per le certificazioni di cecità e o di stato di ipovisione. Un servizio che possiamo offrire grazie a professionisti più che qualificati ed esperti come i dottori: Luca Borgioli, Cristina Ciabattoni,Gino Dichiara, Caterina Guerrieri Paleotti, Raniero Pazienza, Giovanni Spinucci, Carlo Sprovieri”.

 

Lo staff di oculistica di Palmatea può essere contattato allo 0734 53627 o consultando la pagina “specialisti” sul sito www.palmatea.it

 

 

Articolo promoredazionale

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X