facebook twitter rss

La denuncia di Marinangeli: “Il soccorso di primo intervento non sarà stabilmente a Porto San Giorgio neppure nei mesi estivi”

PORTO SAN GIORGIO - Marco Marinangeli:"Scandaloso che si prendano decisioni di questo tipo dai vertici dall'Asur ma ancora più grave è il silenzio dell'amministrazione Loira, che accetta in maniera succube le decisioni a danno dei cittadini sangiorgesi"
Print Friendly, PDF & Email

 

“Ennesimo agguato a Porto San Giorgio con la complicità dell’amministrazione comunale sangiorgese”. A lanciare l’allarme è Marco Marinangeli, referente per la Lega di Porto San Giorgio. “Parliamo di Potes – spiega Marinangeli –  servizio di assistenza sanitaria con ambulanza , auto medica e dottore, quindi il massimo servizio di primo intervento. Già lo scorso anno all’ospedale sangiorgese é stata sottratta la Potes, riducendola al solo servizio notturno e ripristinata nei mesi estivi con un servizio di 24 ore. Dopo il riassetto Asur dello scorso anno che ci ha visto penalizzati, ora un ulteriore taglio e scompare il servizio diurno nei mesi estivi. Conseguenza della scelta è che, il soccorso di primo intervento non sarà stabilmente a Porto San Giorgio neppure nei mesi estivi, ossia in quel periodo, laddove il flusso di persone è nettamente superiore ad altre zone del territorio . Prerogativa di un responsabile amministratore e’ che, la pubblica assistenza in caso di bisogno, deve essere garantita a tutti e soprattutto con celerità”.

Marinangeli che spiega: “Scandaloso che si prendano decisioni di questo tipo dai vertici dall’Asur ma ancora più grave è il silenzio dell’amministrazione Loira, che accetta in maniera succube le decisioni a danno dei cittadini Sangiorgesi e di coloro che frequentano la nostra città sopratutto nei mesi estivi. Già il torto lo abbiamo subito l’anno scorso con il trasferimento della potes da Porto San Giorgio, ora non possiamo accettare un altro colpo a danno della città e faremo quanto possibile per cambiare questa decisione a difesa dei nostri cittadini. Invitiamo da subito il sindaco Loira ad uscire dal torpore e sbattere i pugni nella conferenza dei Sindaci per far si che, i Sangiorgesi vengano rispettati e non ogni volta calpestati a favore di qualcun’altro. Il silenzio del Sindaco è imbarazzante. Non potete consentire l’ennesimo danno alla nostra comunità con la vostra disponibilità e la vostra complicità”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X