facebook twitter rss

Sirio Sistarelli porta a
casa il Gran Premio Ancaria

CICLISMO - L'atleta in forza alla Giatra Servizi-Rifer Gomme sul traguardo abruzzese ha preceduto la principale concorrenza al successo rappresentata da Giuliodori e Marrama
Print Friendly, PDF & Email

FERMO – Una grande vittoria voluta fortemente da un corridore che non finisce mai di stupire. Sirio Sistarelli (Giatra Servizi-Rifer Gomme) si è imposto in assoluto nella seconda gara del Gran Premio Ancaria, valida per l’assegnazione delle maglie di campione regionale abruzzese.

Sistarelli, che ha corso con il tricolore addosso, è stato subito uno dei principali artefici della gara, si è mosso nelle prime posizioni e poi, quando ha sferrato l’attacco decisivo, ha messo in riga tutti i suoi avversari. La gara, organizzata dalla Asd Abmol con il patrocinio dell’amministrazione comunale di Ancarano, si è svolta sulla distanza di 63 km, in un tracciato di 9 km da ripetere 7 volte.

Dopo un periodo di studio, al km 27 Simone Prosperi (Team Pro Bike Teramo) rompeva gli indugi e se ne andava in solitario. Alle sue spalle rimaneva da solo Giacomo Giuliodori (Giuliodori Renzo Bike Cafè) poi tutti gli altri. Giuliodori si riportava sul battistrada, poi il gruppo tornava compatto.

Successivamente si formava in testa un drappello di 13 corridori al comando e tra questi anche Sirio Sistarelli. Prima del suono della campana ci provava Alessandro Marsili (Vibrata Bike 2005) il suo tentativo però non andava a buon fine. Allora la stoccata vincente la proponeva Sirio Sistarelli che lasciava la compagnia degli altri e si involava verso il traguardo finale. Nessuno riusciva a resistergli e il portacolori della Giatra Servizi-Rifer Gomme a braccia alzate si aggiudicava il successo finale precedendo Giuliodori e Camarra.

Nella prima gara da notare l’ottimo sesto posto assoluto di Lorenzo Chiodi (Giatra Servizi-Rifer Gomme) nella gara che ha visto il successo di Rosati su Marrama.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X