facebook twitter rss

“Nuovi poli scolastici, subito un piano strategico”:
Forza Italia sollecita la Regione

ANCONA - In Consiglio regionale l'interrogazione dei consiglieri Jessica Marcozzi e Piero Celani sul crollo del tetto all'Istituto "Montani" di Fermo e sulla sicurezza nelle scuole
mercoledì 13 giugno 2018 - Ore 14:43
Print Friendly, PDF & Email

Dinanzi alle sollecitazioni di Forza Italia, l’Amministrazione regionale ha condiviso l’idea di lavorare a un Piano strategico regionale per nuovi poli scolastici multifunzionali.

È infatti approdata in Consiglio regionale l’interrogazione firmata dai consiglieri Jessica Marcozzi e Piero Celani con cui si chiedeva, dopo il crollo di un tetto dell’Istituto Montani di Fermo, quale è lo stato, in termini di indici di vulnerabilità sismica e agibilità, degli edifici che accolgono istituti scolastici nel territorio marchigiano, se la Regione ha una mappatura aggiornata e puntuale sulle condizioni in cui versano gli edifici scolastici nelle Marche, quali sono le iniziative intraprese in termini di investimenti e messa in sicurezza, e se l’Amministrazione regionale ha intenzione di attivarsi per avviare un piano straordinario di interventi per la messa in sicurezza degli edifici scolastici.

“Sappiamo bene che la competenza sugli immobili è di chi ne vanta la proprietà – commentano Marcozzi e Celani -. Ma dinanzi a temi così importanti la Regione non può restarsene con le mani in mano. Comunque ci sono 520 milioni per la messa in sicurezza delle scuole sul territorio regionale. Ci sono anche dei fondi ministeriali per calcolare l’indice di vulnerabilità dei singoli edifici. Su quest’aspetto la Regione controlli come e con quali tempistiche questi fondi sono spesi. Spesso, soprattutto nei nostri borghi storici o nei piccoli Comuni, abbiamo degli edifici vetusti che ospitano delle scuole. Ecco, dunque, che si necessita di un Piano strategico per nuovi poli scolastici, con una politica aggregativa tra Comuni, che non riguardi solo la didattica ma con servizi a 360 gradi per i nostri bambini e ragazzi, dalle biblioteche alle mense”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page

Caricamento..

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X