fbpx
facebook twitter rss

Avis Montegranaro compie 55 anni,
che la festa abbia inizio

Print Friendly, PDF & Email

E siamo arrivati a 55 primavere, una tappa importante per la Comunale Avis Montegranaro.

LA STORIA
Ne è passato di ‘sangue’ sotto i ponti da quella lontana domenica di maggio del 1963 quando – ricordano dall’Avis Montegranaro – un gruppo di cittadini volenterosi e lungimiranti fondarono la Comunale per sensibilizzare i montegranaresi alla cultura del dono del sangue e dell’altruismo in genere.
Il 12 maggio 1963 infatti, su iniziativa di Antonio Raffaelli allora primario dell’ospedale cittadino, coadiuvato da Nazzareno Stizza, allora sindaco di Montegranaro e da Salvatore Orlando e Vito Organari rispettivamente presidente e Segretario dell’Avis Provinciale di Ascoli Piceno fissarono l’assemblea costituente alla quale parteciparono numerosi cittadini tra i quali Mario Squarcia, Francesco Ciattaglia, Maria Apolloni, Camillo Cruciani, Nicola Giardini, Federico Del Bianco, Giuliana Petrini, Loreta Lori, Radio Granatelli, Elisio Marinozzi, Giorgio Beato, Giuseppe Zengarini, Pio Martelli, Michele Zoppo, Gian Carlo Verrucci, Silvano Luberti, Luciana Crocenzi, Ottavio Gentili, Gabriele Michetti, Alfredo Tappatà, Franco Michetti

Poi, a seguire, dopo la Presidenza di Raffaelli, si sono succeduti Camillo Cruciani, don Mariano Pacetti, ancora Camillo Cruciani,  Mafalda Di Deo, Dino Pesci sino all’attuale Ermanno Vitali.

Dopo 55 anni, tempo di bilanci per coloro che raggiungono questa bella età come pure tempo di bilanci per la nostra Comunale; veniamo ai dati.
I donatori sono oltre 600, quasi il 5% della popolazione ossia il doppio della media nazionale e superiore del 25% rispetto alla media regionale.
Le donazioni, attestatesi nel 2017 a circa 1.000, dato ragguardevole, stanno crescendo nel 2018 di oltre il 20% tanto da sperare che possano superare il numero di 1.100 alla fine dell’anno.
Montegranaro si conferma, ancora una volta paese generoso, paese altruista che prima dell’interesse personale antepone sempre e comunque l’interesse della collettività e guarda con serenità al futuro.
E festa sia, a questo punto.

 IL PROGRAMMA DELLA FESTA
Domenica prossima pertanto, ritrovo in piazza Mazzini alle ore 9, Avis vuole che questo bel momento di festa venga condiviso dapprima con la città tutta, con i propri donatori, con le Comunali consorelle della Regione, tutte invitate e con le autorità politiche, le realtà associative della città.
A seguire vi sarà la santa Messa presso la Chiesa di San Serafino alle ore 10 e poi, accompagnati dalla locale banda musicale Omero Ruggieri, si tributerà un sentito omaggio al monumento del Donatore sito in Largo Conti e poi si raggiungerà il Teatro La Perla per i saluti di rito e la consegna di 176 benemerenze, da consegnare ai donatori che, più di altri, si sono contraddistinti con la propria attività : tra questi verranno premiati i Sigg.ri Eugeni Mauro e Temperini Giuseppe (con oltre 75 donazioni), Magrini Ermete, Temperini Mauro e Mancinelli Simone (con oltre 100 donazioni).
Menzione e plauso verrà tributato anche alla socia fondatrice Sig.ra Giuliana Maria Petrini che lo scorso 02 giugno è stata insignita dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine “al Merito della Repubblica Italiana” per la sua attività di volontariato prestata a beneficio della collettività e della Comunale AVIS in particolare.
Successivamente tutta la festa si concluderà a tavola, presso il ristorante dell’Hotel Horizon a Villa Luciani”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X