facebook twitter rss

Abbandono ‘seriale’ di rifiuti in contrada Girola,
i residenti: “Sfida o sfregio? Ma ora basta”
e parte la caccia all’incivile

FERMO - Da diversi mesi i residenti lamentano l'abbandono di sacchi di immondizia lungo la loro via. "Siamo curiosi di sapere perché li gettano sempre lungo la stessa strada. Ma ora hanno superato il limite"
Print Friendly, PDF & Email

“Ma perché lo fa? Per sfida? Per divertimento? E’ un compulsivo? O semplicemente, si fa per dire, perché non sa cosa fare o dove gettarli?”. A questo punto, data la frequenza con cui quell’incivile abbandona da mesi rifiuti lungo via Girola, i residenti sono più che legittimati a porsi delle domande, ad andare oltre il mero fatto di cronaca, a chiedersi il perché di tanta sfrontatezza. Sì perché di sfrontatezza si può arrivare a parlare.

Da diversi mesi qualcuno si diverte ad abbandonare rifiuti lungo quella che da tempo è diventata qualcosa in più di una semplice strada comunale frequentata dai residenti e da coloro che da quelle parti hanno un’attività commerciale, è un percorso per ciclisti e una meta di passaggio per gli amanti del trekking. Insomma una strada ritagliata nella natura che, però, quei rifiuti stanno trasformando in una discarica. Con inevitabile esasperazione dei residenti. “Lo abbiamo segnalato più e più volte al Comune. E sono venuti a pulire, a disinfettare, a raccogliere quei rifiuti. Ma passano poche ore ed ecco che rispuntano. Sono venuti anche gli agenti della Municipale, sono passati i carabinieri. Inutile quell’incivile seriale torna a colpire con una frequenza disarmante, quasi sospetta. “.

Ed ecco perché gli abitanti si chiedono cosa muova la sua mano: “Vuole dimostrare qualcosa? Uno sfregio? Una provocazione? Vuole delle isole ecologiche? E poi si sposta lungo la via, meno bersagliato il tratto in cui ci sono più case. Ricordiamo che una volta è venuta l’Asite a disinfettare tutto. E il giorno dopo ecco di nuovo quei sacchetti lungo la strada. A volte sono tutto ammassati, altre volte in mezzo alla carreggiata, spesso squarciati dalle auto o magari dagli animali”. Sì, ai residenti piacerebbe davvero sapere cosa spinge quello o quegli incivili a gareggiare al ‘lancio del rifiuto’.

Ma al di là della curiosità c’è l’avvertimento. “Ora ci siamo davvero stufati. Saremo con quattro occhi, giorno e notte, per cercare di beccare il responsabile. Già sappiamo cosa c’è nei sacchetti, d’altronde spesso li abbiamo rimossi noi. Dagli omogeneizzati ai pannolini. Ma adesso se vuole lo scontro, non ci tiriamo indietro. E vedremo, alla fine, chi la spunta”.

g.f.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X