fbpx
facebook twitter rss

Sisma, Verducci difende Gentiloni
e attacca il governo Conte:
“State togliendo misure fondamentali”

POLITICA - Il senatore del Partito Democratico rimarca gli strumenti posti in essere dal precedente esecutivo e l'impegno per i 500 lavoratori della Whirlpool
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

Nuovo intervento di Francesco Verducci, senatore del Partito Democratico, sulla questione del post sisma. L’occasione è stata la votazione del decreto sul terremoto, uno degli ultimi atti del Governo Gentiloni.

“Voteremo sì – ha annunciato in aula Verducci – ma avremmo voluto un provvedimento più forte, con più risorse, e invece il governo ha detto no. Il governo Conte con il suo atteggiamento non dice no alle proposte del Pd, ma dice no alle esigenze delle popolazioni colpite dal disastro del terremoto. Noi intendiamo la sfida della ricostruzione come progettualità, come investimenti, come una visone per dare futuro a quei territori, non solo come emergenza. Su questo misureremo il Governo, giorno per giorno”.

“Avete detto no alle nostre proposte per continuare a sostenere redditi, lavoratori, cittadini, imprese, sindaci – ha proseguito Verducci -. Dite di non avere i soldi per i terremotati, per chi ha bisogno, ma volete stanziare 50 miliardi per la Flat Tax, la tassa vergogna che toglie ai poveri per dare ai ricchi. Complimenti, bel cambiamento! Togliete misure fondamentali da noi inserite, come la Zona Franca Urbana per le imprese e il sostegno alle partite Iva, chiudete centinaia di posti di lavoro indispensabili alle esigenze post-sisma. Avete detto no a misure che avevate promesso in campagna elettorale. Avete preso i voti e siete scappati”.

E se oggi il cratere è ancora vivo, ha rimarcato, è per merito degli strumenti posti in essere dal precedente governo targato Partito Democratico. “Chi dice che c’è stata una pessima gestione mente sapendo di mentire” ha aggiunto. “C’è un sì per il quale siamo orgogliosi: il sì che dà certezza a 500 lavoratori della Whirlpool e alle loro famiglie. Una prima vittoria, adesso toccherà al Governo reclamare un rilancio del sito produttivo”.

“Perché il terremoto per il Pd – ha concluso il senatore – rimarrà una questione nazionale dirimente. E la faremo valere sempre”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X