facebook twitter rss

In tanti per il ‘cammino’ delle Confraternite, l’arcivescovo: solidarietà e missionarietà

SANT'ELPIDIO A MARE - Sono arrivati in duecento da tutta la Diocesi per il 2° Cammino di fraternità. Le parole dell’Arcivescovo mons. Pennacchio nella festa del Patrono Frassati
Print Friendly, PDF & Email

Un momento di riflessione, di preghiera, di festa: così le tante Confraternite dell’Arcidiocesi di Fermo hanno vissuto a Sant’Elpidio a Mare il 2° “Cammino di fraternità” guidato dall’Arcivescovo mons. Rocco Pennacchio. Nel teatro “Cicconi”, salutati dal delegato arcivescovile Giovanni Martinelli e dal Vicepresidente nazionale della Confederazione delle Confraternite d’Italia Domenico Rotella, gli oltre 200 Confratelli convenuti hanno riflettuto insieme all’assistente diocesano don Osvaldo Riccobelli sul tema dell’incontro (“la via della santità”) che traeva spunto dall’esortazione “Gaudete et exsultate” di Papa Francesco.

Dopo la recita del rosario, il “cammino” ha preso il via, preceduto dalle autorità e dal Corpo bandistico cittadino, percorrendo le vie della città, sino a giungere nella Perinsigne Collegiata, dove l’Arcivescovo ha celebrato la Messa solenne. Nella sua omelia mons. Pennacchio, che ha ricordato la sua devozione per il beato Pier Giorgio Frassati, patrono delle Confraternite d’Italia, ha ricordato i valori della solidarietà e della missionarietà, che sono patrimonio storico delle Confraternite: ha ringraziato i Confratelli, spronandoli a dare sempre maggiore testimonianza e presenza nella comunità.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X