fbpx
facebook twitter rss

Oltre seicento cani per l’esposizione internazionale: “Un successo senza precedenti”

MONTEGIORGIO - Il vincitore è un pastore Svizzero Bianco, secondo un Griffon Vendéen e terzo un Cocker Inglese. I cani provenivano da tutta l'Europa con i loro padroni, come i giudici del resto, erano presenti i più grandi allevamenti Polacchi, Slovacchi, Cechi, Svizzeri, Francesi, Rumeni ed addirittura Russi.
Print Friendly, PDF & Email

vincitore un pastore Svizzero Bianco secondo un Griffon Vendéen e terzo un Cocker Inglese

Un trionfo dei migliori amici dell’uomo e di pubblico per la “7°Esposizione Internazionale Canina di Fermo”, che si è svolta domenica scorsa nella splendida cornice dell’ ippodromo di Montegiorgio. Un’idea del presidente del Gruppo Cinofilo Fermano Giuseppe Iacovelli e del suo vice presidente Andrea Scartozzi, sostenuta con forza e partecipazione da tutti i consiglieri.

All’esposizione hanno preso parte ben 634 cani, oltre ogni rosea aspettativa. Il doppio del cani dell’anno precedente. Una grande varietà di razze hanno sfilato tutto il giorno entusiasmando grandi e bambini. Uno spettacolo che ha attirato sui prati del San Paolo oltre duemila persone. Un idea vincente che porta la firma del presidente Giuseppe Iacovelli che ha deciso che avrebbe voluto fare qui la mostra internazionale ENCI dopo essere stato affascinato dalla meravigliosa struttura del San Paolo di Montegiorgio.

Il vincitore è un pastore Svizzero Bianco, secondo un Griffon Vendéen e terzo un Cocker Inglese. I cani provenivano da tutta l’Europa con i loro padroni, come i giudici del resto, erano presenti i più grandi allevamenti Polacchi, Slovacchi, Cechi, Svizzeri, Francesi, Rumeni ed addirittura Russi.

Il presidente del Gruppo Cinofilo Fermano ringrazia tutte le autorità intervenute, i proprietari dell’ippodromo per aver concesso gratuitamente la struttura ed aver collaborato anche all’allestimento dell’expo, tutti i soci del gruppo cinofilo che hanno collaborato sia alla preparazione che allo svolgimento dell’evento ed invita tutti a ripartecipare il prossimo anno, magari ancora più numerosi. «Un ringraziamento a Sergio Matti che per primo ha avuto l’idea di introdurre la cinofilia nel tempio dell’ippica – sottolinea Giuseppe Iacovelli – e a tutta la famiglia Mattii, in particolare ad Alessia e Salvatore che hanno messo a disposizione la bellissima struttura del San Paolo e tutto il necessario per l’evento, gratuitamente». Già si sta pensando a ripetere l’evento, al San Paolo, il prossimo anno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X