facebook twitter rss

Nuovo blitz della Polizia Locale sangiorgese contro il commercio abusivo: spiaggia al setaccio

PORTO SAN GIORGIO - L’operazione,è iniziata alle ore 9 ed ha visto impiegato personale in borghese guidato dal comandante Giovanni Paris, con il supporto di agenti in divisa
venerdì 20 luglio 2018 - Ore 13:15
Print Friendly, PDF & Email

Centinaia di articoli destinati al commercio abusivo sono stati recuperati dalla Polizia municipale. L’operazione, portata avanti per tutta la mattinata, è iniziata alle ore 9 ed ha visto impiegato personale in borghese guidato dal comandante Giovanni Paris, con il supporto di una pattuglia con agenti in divisa.

Nel dettaglio, dopo una serie di controlli, nel tratto centrale del lungomare Gramsci (all’altezza di piazza Bambinopoli) un giovane, mentre veniva accompagnato al pulmino della Municipale dagli agenti per accertamenti, si è rapidamente allontanato lasciando sul marciapiede uno zainetto e un espositore di anelli e pietre. Il personale ha recuperato la merce e ha proseguito la sua azione su tutto il tratto costiero sangiorgese.

All’altezza della Lega navale sono state effettuate approfondite verifiche sotto la copertura del fossato posto a sud della stessa. In passato, infatti, ignoti avevano utilizzato lo spazio per occultare merce o come rifugio occasionale.
Nel corso della mattinata, attorno alle ore 11, un altro intervento è stato effettuato nella zona antistante la concessione n. 46: in un sacco sono stati rinvenuti altri oggetti “da mare” e giocattoli.

A sud, nello spazio antistante la concessione n. 22, la terza azione di contrasto: sono stati recuperati decine di prodotti tra collane, bracciali e vari accessori.
Alle 12.30, in zona concessione n. 30, un giovane si è allontanato di corsa abbandonando uno zainetto con dentro libri.
Sempre nella mattinata sono stati effettuati controlli ed azioni di contrasto alla sosta irregolare nei pressi del parco Canossiane. Rimossi alcuni birilli, posizionati da ignoti a protezione di spazi pubblici per i veicoli.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..



1 commento

  1. 1
    Gianluca Mecozzi il 21 luglio 2018 alle 8:39

    La colpa e’ di chi compra questa merce aiutando le mafie e lo sfruttamento

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X