facebook twitter rss

Terrenzi: “Su Sant’Agostino è servito un passaggio amministrativo in più, ci farà guadagnare tempo”

SANT'ELPIDIO A MARE - Il Sindaco replica ai proprietari del Palazzo degli Agostiniani: "Nessun ritardo, è servita una ulteriore procedura per mantenere l'impalcatura già montata dai privati, ci farà risparmiare tempo. Spero che i proprietari abbiano presentato il progetto definitivo dei danni, perchè la sola messa in sicurezza non basterà a ridar vita a quella parte del centro"
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco Alessio Terrenzi ha replicato a stretto giro alle esternazioni dei proprietari del Palazzo degli Agostiniani, nel cuore del centro storico, che sollecitavano l’amministrazione a sbloccare i lavori di messa in sicurezza dell’edificio. Un intervento che secondo i privati sta tardando fin troppo, dato che da ben tre mesi è arrivato il nulla osta al progetto, senza che le procedure di appalto siano partite.

“Il lavoro di messa in sicurezza del Palazzo degli Agostiniani – puntualizza il primo cittadino di Sant’Elpidio a Mare – presenta una particolare complessità, in quanto il lavoro è stato iniziato dai privati, infatti l’impalcatura risulta parzialmente montata. L’Ente a seguito del 1° nulla osta della Regione , ha concordato con la stessa una procedura che consente di utilizzare l’attuale impalcatura sia in fase di messa in sicurezza che di esecuzione dei lavori definitivi da parte dei privati”.

Per andare avanti, spiega Terrenzi, serve aspettare un ultimo via libera. “Tale procedura, che ha richiesto un passaggio amministrativo ulteriore, (siamo infatti in attesa del definitivo assenso della Protezione Civile) in realtà consentirà di abbreviare i tempi di esecuzione, consentendo l’utilizzo della stessa impalcatura per tutte le fasi del lavoro. Auspichiamo che dal canto loro i privati abbiano presentato  il progetto definitivo dei danni, in quanto le sole opere di messa in sicurezza non ridaranno vita a quella parte del centro storico danneggiato”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti