facebook twitter rss

Calzaturieri, l’appello di Enrico Ciccola alla politica: “Made in, non c’è più tempo da perdere,
ora o l’Europa ci dimenticherà”

CONFINDUSTRIA - Il presidente dei calzaturieri di Confindustria Centro Adriatico:“I problemi vanno affrontati partendo dalla realtà"
Print Friendly, PDF & Email

L’attività in difesa del made in Italy del presidente dei calzaturieri di Confindustria Centro Adriatico Enrico Ciccola è a tutto campo. “La situazione internazionale è carica di tensione. La guerra dei dazi che è in corso tra Stati Uniti e Cina rischia di avere ripercussioni pesanti anche sull’Italia. anche se è la prima conseguenza di una globalizzazione che ha superato ogni limite accettabile”.

Il rapporto con la politica in questa situazione diventa determinante: “Da tempo sono in collegamento con gli europarlamentari del Movimento 5 Stelle, in particolare Laura Agea, che hanno presentato un emendamento al pacchetto Beni, che è la porta di ingresso in Europa per il made in”. Ma non basta e quindi il confronto prosegue a tutto campo: “Domani (24 agosto) discuterò con l’onorevole Nicola Danti che è ospite di una iniziativa politica a Montegranaro. È fondamentale che la battaglia non abbia colore, ancora di più in Europa. L’obiettivo è comune e so che Danti da tempo è impegnato al tavolo europeo per far sì che il made in diventi realtà”.

Il problema è che ogni mese che passa fa aumentare la preoccupazione per il settore calzaturiero che ha proprio nella manifattura locale il suo punto di forza: “A settembre riparte l’attività del Parlamento Europeo, Danti è relatore del pacchetto Beni. Il rischio del semestre bianco è alle porte. Non è possibile che un piano sulla sicurezza dei prodotti approvato dal parlamento non superi il vaglio del Consiglio. Ed è ancora più assurdo che ora si pensi di farlo passare escludendo l’articolo 7 che proprio riguarda il made in. Mi aspetto una presa di posizione forte dal relatore”.

L’appello finale di Enrico Ciccola, che ha ricevuto la delega sul made in da parte della presidente Annarita Pilotti di Assocalzaturifici, è semplice: “I problemi vanno affrontati partendo dalla realtà. Noi calzaturieri dobbiamo affrontare un costo della manodopera che vale il 50% del costo del prodotto. Se non tuteliamo la qualità che questo costo produce non possiamo andare avanti. E un europarlamentare non può discuterne se non conosce la realtà. Ben venga quindi l’incontro a Montegranaro, ma è nelle fabbriche che i politici dovrebbero entrare. Noi, come imprenditori, siamo pronti ad accoglierli se vogliono capire prima di parlare”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti