facebook twitter rss

Dall’Aso al Chienti, la fotografia racconta i territori che si tramutano

EVENTI - Un corso tenuto da Claudio Marcozzi rivolto, come afferma lo stesso fotografo, "a chi il paesaggio lo vuole anche capire, a chi è interessato a cogliere gli intrecci della terra con l’umanità che la vive e la trasforma"
Print Friendly, PDF & Email

Avrà inizio nel primo week-end di novembre una campagna di indagine fotografica sul territorio fermano, condotta da Claudio Marcozzi in collaborazione con la Fototeca Provinciale di Fermo gestita dall’Associazione Altidona Belvedere.

Il progetto trae origine dalla mostra “Tramutati Territori” (Claudio Marcozzi-Fotografia, Ciro Stajano-Pittura) già esposta in versione ridotta al Centro Studi Osvaldo Licini nell’ambito del Premio Volponi 2014 e poi parcheggiata per forza maggiore (avvicendamenti politici, terremoto) facendosi carico di tutte le motivazioni della mostra stessa: le trasformazioni del paesaggio agricolo, produttivo, urbano e sociale per l’adattamento alle esigenze sopravvenute nel corso dei decenni.

L’area da prendere in esame è quella compresa tra le valli dell’Aso e del Chienti, una fascia che va dal mare alla montagna e rappresenta quello che di più tipico sa esprimere il paesaggio marchigiano: scene idilliache, coltivazioni rigogliose, centri abitati pittoreschi in cima alle colline, ma anche erosione, abusi e tutte le realtà sopraggiunte insieme all’industrializzazione: lo spopolamento delle campagne, l’urbanizzazione e le modificate destinazioni degli spazi.

A tutto questo dedicheranno i loro sguardi i fotografi coinvolti, senza malinconia per quello che non c’è più e senza condanna o ammirazione per le situazioni in divenire, ma con l’attenzione critica necessaria a svolgere una campagna di documentazione che sia efficace per fare il punto della situazione provocando riflessioni, e possa essere utile alle amministrazioni locali e alle diverse professionalità coinvolte nella gestione del territorio.

Non è la denuncia il fine ultimo ma la registrazione degli stati di fatto, con lo stesso spirito delle missioni periodiche europee, come quella della Datar (Délégation interministérielle à l’aménagement du territoire et à l’attractivité régionale) e simili, che il governo francese ha affidato ai fotografi (Josef Koudelka, Raymond Depardon, Gabriele Basilico, ecc.) e che tanto utili si sono rivelate, nel tempo, per la comprensione dei problemi e la pianificazione degli interventi.

Nessuno meglio dei fotografi ha la possibilità e la capacità di svolgere questo compito con la sensibilità necessaria da tradurre in efficacia visiva immediata.

Il workshop, della durata di circa otto mesi, prevede cicli di incontri in aula (sei di programma, ma senza un limite fisso) dedicati a lezioni teoriche, preparazione delle uscite e analisi del materiale prodotto. Le uscite per le riprese saranno dodici in gruppo, a queste se ne aggiungeranno altre individuali ad incarico che avverranno dopo aver suddiviso il territorio in zone e tipologie di studio ben definite, ripartite tra i fotografi partecipanti.

Non è un workshop destinato a chi ama solo le belle vedute in fotografia e a chi del paesaggio interessa solo l’estetica, ma a chi il paesaggio lo vuole anche capire, a chi è interessato a cogliere gli intrecci della terra con l’umanità che la vive e la trasforma.

Un workshop, in fin dei conti, pensato non solo per i fotografi (chiunque sia in possesso di attrezzature atte a riprendere immagini, cellulari compresi) ma per tutti gli amanti del paesaggio, per chi è capace di scriverne, per chi lo progetta, per chi lo gestisce e per chi lo vive.

L’editing finale delle immagini è destinato alla realizzazione di una mostra e di un audiovisivo, da presentare parallelamente alla versione completa dell’esposizione Tramutati Territori (Marcozzi / Stajano). Si prevede anche l’edizione di due cataloghi, dedicati alla mostra d’arte Marcozzi/Stajano e alla campagna fotografica sul territorio preso in considerazione.

Copia del materiale prodotto resterà in gestione alla Fototeca Provinciale di Fermo gestita dall’Associazione Altidona Belvedere, a disposizione di enti ed istituzioni che ne faranno richiesta, nel rispetto della normativa vigente sul diritto d’autore.

Il gruppo dei fotografi lavorerà insieme al tutor in occasione delle uscite durante i workshop in programma e individualmente dopo la suddivisione del territorio in aree di competenza con incarichi specifici. Alla fine di ogni workshop si controllerà la produzione per valutare qualità e attinenza ai temi. Ogni fotografo dovrà consegnare in seguito la propria selezione da archiviare per l’editing finale. Contemporaneamente saranno assegnati i compiti individuali a seconda delle preferenze di ciascuno per uno o più dei temi oggetto della campagna.

 

LE TAPPE DELLA CAMPAGNA FOTOGRAFICA IN SEI WORKSHOP

Novembre 2018, dal 2 al 4

Dicembre 2018, dal 7 al 9

Febbraio 2019, dall’1 al 3

Marzo 2019, dall’1 al 3

Maggio 2019, dal 10 al 12

Giugno 2019, dal 21 al 23

Suddivisioni tematiche:

La costa

Le colline e i castelli

I centri storici

Il centro storico di Fermo

Beni culturali isolati nel territorio

Le periferie

Paesaggio agricolo (colture, abitazioni)

I corsi d’acqua

Le vie di comunicazione

Le zone produttive

La montagna

La stessa inquadratura a distanza di decenni

Programma di ogni workshop:

Venerdì dopo cena: teoria e programmazione. Sabato intera giornata e domenica mattina: uscite per riprese. Domenica pomeriggio: editing, considerazioni e piano futuro.

Per informazioni e modalità di partecipazione:

claudio.marcozzi@libero.it – altidonabelvedere@aruba.it – 339.3993005 (Andrea)

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti