facebook twitter rss

Montegiorgio all’inglese,
l’Isernia è domata

SERIE D - Nell'infrasettimanale odierna il rigore trasformato da Sbarbati ed il raddoppio di Ciarmela regalano i tre punti alla formazione di Massimo Paci. Scavalcato l'avversario in questione, la classifica sorride al collettivo rossoblu
Print Friendly, PDF & Email

Il rigore trasformato da Lorenzo Sbarbati

di Paolo Gaudenzi

 

MONTE SAN GIUSTO  – Al comunale maceratese di Villa San Filippo il rigore di Sbarbati ed il raddoppio di Ciarmela regalano i tre punti al Montegiorgio. I ragazzi di Massimo Paci salutano la palude di classifica e grazie allo scalpo prelevato all’Isernia si collocano momentaneamente nella tranquilla posizione di centro classifica a quota 13 punti, scavalcando proprio gli avversari del turno infrasettimanale in questione.

IL TABELLINO

MONTEGIORGIO 2 (3-5-2): Del Papa; Biasol, De Lucia, Ghiani (90′ Baraboglia); Ciarmela, Omiccioli (49′ Vita), Marchionni (84′ Zancocchia), Mariani, Vecchione; Sbarbati, Albanesi. A disposizione: Scipioni, Frezzi, Del Moro, Passalacqua, Perfetti, Osorio. All. Massimo Paci 

ISERNIA FOOTBALL CLUB 0 (3-5-2): Landi; Di Lonardo, Del Prete (86′ Di Matteo), Barretta; Frabotta, Fazio, Cacic (76′ De Chiara), Ciccone, Cristiano (71′ Gyabaa); Romano, Palma. A disposizione: Tano, Russo, Marino, De Vito, Bilaj, Vitale. All. Massimo Silva 

ARBITRO: Igor Yury Paolucci di Lanciano; Marco Colaianni e Vincenzo Abbinante di Bari

RETI: 73′ Sbarbati (rig), 85′ Ciarmela

NOTE: Ghiani e Ciarmela

LA CRONACA

L’inizio di gara è nel pieno segno dei locali. Mariani, Marchionni e Sbarbati fanno subito capire ai molisani il tenore della partita che sarà, vale a dire densa della rabbia generata domenica scorsa, con la vittoria sfumata di un nulla a causa del pareggio del Campobasso giunto nel cuore del recupero. Il primo tempo è pertanto un assolo rossoblù, con manovra ed azioni ad appannaggio di Omiccioli (uscito in barella per infortunio alla ripresa dei giochi) e soci, ma le resistenze dell’estremo Landi portano le squadre al duplice fischio con il nulla di fatto.

E’ Ciccone, per l’Isernia, a spezzare il monopolio del Montegiorgio alla ripartenza con le ostilità sportive, ma è un fuoco di paglia. Vita innesca infatti Sbarbati, ma Cacic evita il peggio; poco dopo Albanesi pennella in area, Sbarbati salta di testa e manda la palla a scheggiare la traversa, il rimbalzo diventa il tiro a volo per Vecchione, deviato da un difensore di Massimo Silva. E’ il preludio al gol, con Landi ad atterrare in area Albanesi. Dal dischetto Sbarbati rompe l’equilibrio di partenza, per un vantaggio del tutto legittimo visto il ritmo impresso alla gara dalla produttività montegiorgese. La serpentina di Marchionni, non finalizzata al meglio, è la chiusura di una pratica che giunge però con il timbro e la firma di Ciarmela, lesto a siglare il raddoppio a poco dallo scadere del tempo regolamentare.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti