facebook twitter rss

Morti nel rogo della casa,
svolta l’autopsia su Rina ed Emanuele
Fissato il funerale

SARNANO - Il medico legale ha constatato che a uccidere madre e figlio è stato il monossido che si è scaturito dall'incendio. Mercoledì l'ultimo saluto
Print Friendly, PDF & Email

 

Emanuele Piersanti e Rina Funari

 

Svolta l’autopsia sui corpi di Rina Funari ed Emanuele Piersanti, madre e figlio morti nel rogo della loro casa: confermato, come emerso ieri, che a ucciderli è stato il monossido di carbonio che si è liberato con l’incendio. L’unico a salvarsi è stato Franco Piersanti, 68 anni, padre di Emanuele, 38, e marito di Rina, 64, che è stato salvato dai carabinieri di San Ginesio.

I militari sono entrati nella casa mentre l’incendio divampava e lo hanno portato fuori. Un fatto avvenuto cinquanta minuti dopo la mezzanotte di domenica. Un dramma che si è consumato a Sarnano in contrada Case Rosse. L’incendio sarebbe scaturito a causa di un tizzone del camino che era rimasto acceso. Le fiamme sono divampate e il divano ha iniziato a bruciare. Il padre, che si trovava sulla carrozzina (a causa dell’amputazione di una gamba), è stato portato fuori dai militari che si trovavano in servizio di pattuglia e hanno ricevuto la chiamata di soccorso. Portato fuori Franco Piersanti, i due carabinieri sono rientrati in casa più volte per cercare anche Emanuele e Rina. Ma il fumo non consentiva loro di respirare e non riuscivano a restare all’interno dell’abitazione più di una trentina di secondi per volta. Nel frattempo poi l’incendio è divampato sempre più. I vigili del fuoco sono poi riusciti a domare le fiamme. Quando Rina è stata raggiunta era in un ripostiglio e ormai era morta. Il figlio era nella sua camera da letto, trasportato fuori dai vigili del fuoco, è morto poco dopo. Oggi pomeriggio il medico legale Roberto Scendoni, nominato dalla procura, ha svolto l’autopsia all’obitorio di Macerata. Dall’esame emerge che la causa della morte di madre e figlio è stata l’intossicazione per il fumo respirato. Con il nullaosta della procura, domani i feretri saranno esposti nella camera mortuaria di Sarnano. Il funerale, a cura dell’impresa funebre Muzi, si svolgerà mercoledì alle 11 nella chiesa di Sant’Agostino, a Sarnano. Franco Piersanti ieri era stato portato all’ospedale di Macerata e ora si trova in una casa di cura. L’uomo non è in pericolo di vita.  

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti