facebook twitter rss

Regional Day, alla palestra
Coni la giornata per il Sitting

VOLLEY - La disciplina pallavolistica per normodati e portatori di disabilità troverà luogo il prossimo 2 dicembre a Fermo, tra molte personalità istituzionali provenienti dal mondo dello sport e dall'amministrazione cittadina
Print Friendly, PDF & Email

I due ct azzurri, Amauri Ribeiro ed Emanuele Fracascia, a Fermo per uno stage tenuto nel 2016

FERMO – Sarà la città del Girfalco, il prossimo 2 dicembre, ad ospitare il Regional Day di Sitting Volley. L’evento, organizzato dal Comitato Regionale Marche della Fipav con il patrocinio del Comune di Fermo, vedrà la presenza dei due ct azzurri Amauri Ribeiro ed Emanuele Fracascia, rispettivamente tecnici della Nazionale Italiana Femminile e Maschile di Sitting Volley, che a partire dalle ore 15.00 sino alle 18.00 alla palestra Coni di Piazzale Tupini visioneranno gli atleti che già svolgono attività con le società del territorio e anche le persone diversamente abili interessate ad avvicinarsi alla disciplina paralimpica.

Torna a Fermo dopo due anni il grande sitting volley – ha detto il Presidente della Comitato regionale Marche della Fipav Franco Brasili –. In questa città la disciplina ha trovato la sensibilità dell’amministrazione comunale che crede in questo progetto e si è messa disposizione per il suo sviluppo: ringrazio per questo il sindaco e l’assessore allo sport. Quello di domenica prossima è il primo di una serie di appuntamenti importanti che si terranno a dicembre a Fermo. Il sitting sta riscuotendo molto interesse anche da parte delle scuole che hanno subito compreso l’obiettivo di inclusione di questo gioco”.

“E’ un orgoglio per la nostra città ospitare un evento regionale per una disciplina paraolimpica che costituisce un bell’esempio e un felice connubio di sport e sociale, ovvero la vera mission dello sport, disciplina che vanta proprio a Fermo la prima società che l’ha avviata e promossa e che ringrazio per quanto fa” – ha affermato l’assessore allo Sport Alberto Maria Scarfini.

Il Sitting Volley, disciplina paraolimpica ideata per permettere di far giocare insieme a pallavolo atleti con disabilità fisica e normodotati stando seduti per terra, è arrivata da tre stagioni anche a Fermo con un centro ad hoc grazie all’impegno in prima linea della Scuola di Pallavolo Fermana, società nata nel 2013 che rivolge tutta la sua attività alla crescita ludico motoria dei giovani, prima società ad intraprendere e promuovere l’attività di sitting volley nelle Marche.

Nato in Olanda nel 1956 e introdotto nel programma delle Paralimpiadi nel 1980, il Sitting Volley è stato regolamentato dall’Organizzazione mondiale della pallavolo per disabili (Wovd) soltanto nel 2008. Le Paralimpiadi di Londra 2012 gli hanno restituito la giusta visibilità a livello mondiale e dall’ottobre 2013 anche la Federazione Italiana Pallavolo ha creato un apposito settore all’interno della sua attività per regolamentare e gestire questa disciplina.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti