facebook twitter rss

Parco dei Sibillini,
taglio del nastro della nuova sede
Ciaffaroni: “Questo è un nuovo inizio”

VISSO - La cerimonia di stamattina mette fine ad una situazione complessa protrattasi per due anni, che non ha però impedito al Parco di continuare il suo lavoro di tutela e valorizzazione del  territorio nella delicata fase post sisma
Print Friendly, PDF & Email

Taglio del nastro stamattina a Visso per la sede, finalmente riunificata, del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Un ritorno fortemente voluto dal Presidente dell’ente, Alessandro Gentilucci, che da quando è subentrato in questo ruolo, ha lavorato per creare le condizioni affinché il Parco tornasse operativo e funzionale nel suo luogo d’origine. Il terremoto dell’ottobre 2016 ha infatti reso inagibile la sede istituzionale dell’ente determinando la dislocazione degli uffici presso strutture ospitanti: a Tolentino negli spazi dell’istituto zooprofilattico Marche Umbria, a Foligno nei locali della Protezione Civile, un presidio a Visso nel Centro Operativo Comunale. Una situazione complessa che si è protratta per due anni e che però non ha impedito al Parco di continuare il suo lavoro di tutela e valorizzazione del territorio nella delicata fase post sisma.

“Oggi torniamo finalmente a casa” sottolinea con soddisfazione Gentilucci di fronte ai sindaci, al comandante dei Carabinieri Parco Sampaolesi, al direttore Bifulco, al personale dell’ente. “Un ringraziamento doveroso va al sindaco di Visso nonché senatore della Repubblica, Giuliano Pazzaglini, al capo dipartimento della Protezione Civile Borrelli, al presidente della Regione Marche Ceriscioli. Abbiamo attivato una sinergia importante che ci ha consentito di arrivare a questo risultato, un percorso funzionale anche all’economia del territorio. Da qui ripartiamo con la consapevolezza delle sfide che ci attendono e della necessità di portare avanti i nostri progetti per il rilancio di tutta l’area montana dei Sibillini”.

Pazzaglini ha ringraziato Gentilucci “per l’accelerazione determinante che ha impresso a questo ritorno a casa del Parco”, auspicando che possa continuare la collaborazione positiva tra ente e comuni a vantaggio del territorio.

Domenico Ciaffaroni, sindaco di Montefortino e presidente della Comunità del Parco, ha evidenziato “il valore simbolico di questo nuovo inizio e la necessità di marciare uniti e sinergici per assicurare un futuro di speranza all’intera popolazione dei Sibillini”.

Infine il direttore del Parco, Carlo Bifulco, ha rimarcato il gran lavoro messo in opera dal personale del Parco per questo trasloco, e ha ringraziato tutti coloro che si sono adoperati perché ciò potesse accadere in tempi rapidi: “l’obiettivo della riunificazione degli uffici, sia pure in una sede provvisoria” conclude Bifulco “era fondamentale per assicurare una migliore operatività del Parco”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti