facebook twitter rss

Caso Jovanotti, Loira stronca la minoranza: “Nostre spiagge non idonee al concerto, non esistono atti”

PORTO SAN GIORGIO - Dura la replica del sindaco: "La richiesta di accesso agli atti è destinata miseramente a fallire in quanto nessuna comunicazione è pervenuta al Comune"
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco Nicola Loira

Ieri la notizia del colpaccio dell’Amministrazione Calcinaro con il concerto di Jovanotti che si terrà a Lido di Fermo il prossimo 3 agosto. Nella mattinata di oggi le polemiche sollevate dalla minoranza di Porto San Giorgio, in particolare dal consigliere Petrozzi, che accusa la Giunta Loira di aver perso l’occasione di portare in città l’artista (LEGGI QUI). Polemiche ha risposto a stretto giro di posta lo stesso primo cittadino sangiorgese.

“C’è un grande agitarsi da parte della minoranza riguardo il concerto della prossima estate di Jovanotti a Lido di Fermo, relativamente alla voce secondo cui la prima scelta sarebbe ricaduta su Porto San Giorgio – sottolinea Loira -. Mi dispiace dover rilevare che, come in altre occasioni, l’opposizione rimarrà anche questa volta a mani vuote: la richiesta di accesso agli atti è destinata miseramente a fallire in quanto nessuna comunicazione è pervenuta al Comune di Porto San Giorgio, né nelle caselle postali elettroniche di sindaco e assessori, né in quella certificata.

Detto ciò, anche per soddisfare la legittima curiosità dei sangiorgesi interessati alla questione, informo che nel mese di ottobre l’assessore al Demanio Massimo Silvestrini ha avuto un colloquio telefonico con un soggetto che si è dichiarato essere rappresentante di una società che organizza eventi.

Oggetto della telefonata era conoscere le dimensioni delle spiagge libere di Porto San Giorgio e se queste, nello specifico, avessero una lunghezza di 150-200 metri circa per valutare la possibilità di organizzare una tappa del tour di Jovanotti.

L’assessore, senza dare risposta negativa e per mantenere vivo il confronto, pur sapendo che le nostre spiagge non hanno quelle dimensioni, ha invitato l’interlocutore ad un sopralluogo in città e a rivolgere una richiesta tecnica scritta indicando tutto quanto fosse necessario per l’organizzazione dell’evento, ivi comprese le dimensioni minime della spiaggia libera.

Inoltre, l’interlocutore ha chiesto di che natura fosse l’interferenza tra la spiaggia libera a nord di Porto San Giorgio e quella a sud di Fermo (tra la concessione “Le Gall” e i campeggi). Nella circostanza l’assessore informava trattarsi della foce di un fosso (Rio Valleoscura).

La comunicazione telefonica si concludeva con la disponibilità del rappresentante della società sia ad un sopralluogo in città che ad inviare una comunicazione con le richieste tecniche per l’eventuale organizzazione dell’evento. Tutto ciò non ha avuto alcun seguito, evidentemente perché anche da una verifica satellitare le spiagge sangiorgesi non erano idonee alla richiesta.

Questo è quanto, a scanso di ogni equivoco e di notizie fuorvianti.

L’Amministrazione comunale di Porto San Giorgio si rallegra per l’importante evento: fin da ora manifesta la disponibilità a collaborare con il Comune di Fermo per quanto si renda necessario all’iniziativa i cui benefici saranno ad appannaggio di tutto il territorio”.

Jovanotti, giallo sulla richiesta a Porto San Giorgio: il centrodestra presenta un’interrogazione


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti