facebook twitter rss

La Futura vede rosso,
il derby è della Sangio

PROMOZIONE - Al Postacchini succede tutto nella ripresa: prima il vantaggio dei nerazzurri con Kariwari, poi l'espulsione di Simone Paniccià, successivamente il rigore del possibile pareggio dei capodarchesi fallito da Spinozzi, poi ancora l'espulsione di Mannozzi ed infine, nei minuti di recupero, il raddoppio di Kariwari e il punto esclamativo di Joel Garbujo
Print Friendly, PDF & Email

 

di Leonardo Nevischi

CAPODARCO – Doveva essere la gara del sorpasso sull’Azzurra Colli (fermata ieri sul 2-2 a Monte San Giusto) e dell’avvicinamento al Valdichienti Ponte, invece la Futura affonda. Al Postacchini di Capodarco lo sgambetto era dietro l’angolo, ma era difficile immaginarsi una gara così. Contro una Sangiorgese vogliosa di riscatto, specialmente dopo le tre sconfitte inflitte a tavolino dal giudice sportivo nelle scorse settimane, succede tutto nella ripresa: i capodarchesi vanno sotto con la rete di Kariwari, poi perdono la testa, dato che prima Paniccià e poi Mannozzi si fanno espellere dal direttore di gara. Nel mezzo l’illusione di poterla riprendere con il calcio di rigore fallito da Spinozzi ed infine l’epilogo segnato dal raddoppio di Kariwari e dal gol di Joel Garbuio, entrambi all’overtime (92′ e 94′).

La Futura non solo scivola al quarto posto ma compromette la prossima gara che si disputerà in casa dell’Aurora Treia, perché già priva di bomber Cingolani per un infortunio al ginocchio, dovrà fare a meno anche di Mannozzi e dell’esperienza di Paniccià. La Sangiorgese, invece, pur restando in ultima posizione trova una vittoria che dà morale, fiducia e soprattutto permette di respirare una boccata d’ossigeno a tutto l’ambiente nerazzurro.

IL TABELLINO

FUTURA 96 0: Paniccià, Marzan (46’ Mannozzi), Drammeh, Conte (77’ Verone), Gobbi, Smerilli, Basili Riccardo (52’ Capiato), Mancini, Spinozzi Alessandro, Giuliani, Islami. A disposizione: Verone, Santarelli, Belleggia, Basili Francesco, Mannozzi, Mureni, Dionea, Capiato, Fiumaroli. All. Giovanni Clerici

SANGIORGESE 3: Figueroa, Ricci, Fazion, Gomez Barrionuevo, Brambatti, Servera, Garbujo Joel, Gisario, Garbujo Juan, Ndoye, Kariwari (90’ Oliva). A disposizione: Menchi, Basili, Murtezi, Oliva, Tirabassi, Salvatori, Miconi, Casturà, Amadike. All. Roberto Buratti

RETI: 65’ e 92’ Kariwari, 94’ Joel Garbujo

ARBITRO: Andrea Migliorini di Verona; assistenti Emanuele Bellagamba di Macerata e Nello Grieco di Macerata

NOTE: Espulsi al 77’ Paniccià e al 86’ Mannozzi

LA CRONACA 

La prima frazione risulta per lunghi tratti equilibrata e per vedere la prima vera palla gol si deve attendere la ripresa, con Figueroa che disinnesca la pericolosa conclusione di Spinozzi. Sul fronte opposto, però, i nerazzurri si dimostrano più concreti e al quarto d’ora del secondo tempo passano in vantaggio con Kariwari.

Da qui la gara si accende e gli uomini di Clerici vedono rosso e sbandano: prima viene espulso l’estremo Paniccià, poi, nonostante l’inferiorità numerica, Spinozzi sbaglia il rigore del possibile pareggio ed infine anche Mannozzi si becca il rosso e lascia i suoi in 9 uomini.

Nel finale, nel disperato tentativo di riacciuffare l’equilibrio, i padroni di casa concedono il fianco alle letali ripartenze dei rivieraschi, che di fatto colpiscono due volte nuovamente con Kariwari e con Joel Garbujo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti