facebook twitter rss

Investe un carabiniere, arrestato
Nel casolare una raffineria
di cocaina e crack

MONTEGIORGIO/MAGLIANO DI TENNA - Il carabiniere urtato a Magliano di Tenna ha riportato lievi lesioni. Blitz dal cielo con l'elicottero dell'Arma e, in ausilio, con i cani della Finanza in un casolare nella periferia di Montegiorgio. Scoperta una piccola raffineria dove veniva anche confezionata la droga
sabato 22 Dicembre 2018 - Ore 14:01
Print Friendly, PDF & Email

Nella tarda mattinata di ieri, in contrada Piane di Monteverde del comune di Montegiorgio, i carabinieri del Reparto Operativo Nucleo Investigativo di Fermo, in collaborazione con i Norm – Aliquota Radiomobile delle Compagnie di Montegiorgio e Fermo, con il supporto aereo di un elicottero del quinto nucleo Elicotteri Carabinieri di Pescara e di un’unità cinofila del comando provinciale della Guardia di Finanza di Fermo, nell’ambito di un mirato servizio finalizzato al contrasto del traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, hanno tratto in arresto un uomo, di origine albanese, residente a Montegiorgio, nullafacente, per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

“L’uomo, nel corso della mattinata di ieri ha forzato il controllo di una pattuglia del nucleo Radiomobile di Montegiorgio, non fermandosi all’alt imposto dai militari, in località Magliano di Tenna, fuggendo a bordo dell’autovettura Toyota. Nella manovra tesa ad eludere il controllo, ha investito anche un militare che urtato dall’auto, lanciata a forte velocità, ha riportato lievi lesioni. L’individuo però è stato intercettato e bloccato, poco dopo, dal consistente dispositivo che i militari avevano già predisposto per la sua cattura.
La perquisizione presso l’abitazione in uso, un casolare isolato fuori dall’abitato, dotato di un consistente sistema di videocamere, ha permesso il rinvenimento di una piccola raffineria artigianale, dove l’uomo tagliava e confezionava crack e cocaina. E proprio l’andirivieni di autovetture presso quel luogo aveva messo in allerta i carabinieri che, da alcuni giorni, osservavano i numerosi spostamenti dell’uomo e le continue dipartite, anche nel corso della notte.

Il sottufficiale, in forza al Nucleo Radiomobile di Montegiorgio, dopo le cure ricevute presso il Pronto Soccorso dell’ospedale civile di Fermo, è stato dimesso con una prognosi di tre giorni per lesioni riportate ad una mano e al piede.


Sono stati sottoposti a sequestro circa 400 grammi di cocaina purissima e un grammo di crack suddiviso in dosi, bilancino, frullatore, sostanza da taglio, mestoli, arnesi e contenitori utilizzati per cristallizzare lo stupefacente, materiale per il confezionamento, l’impianto di videosorveglianza istallato illecitamente, circa 500 euro provento di attività di cessione di stupefacenti, l’autovettura ed il telefono cellulare in uso all’uomo.
AI termine delle formalità, l’uomo è stato associato presso la Casa circondariale di Fermo a disposizione della locale autorità giudiziaria.
Rimane massima l’attenzione dei carabinieri del comando provinciale di Fermo, soprattutto in vista delle prossime festività natalizie, verso il fenomeno del commercio illecito delle sostanze stupefacenti che, evidentemente, come dimostrato anche dalle ripetute operazioni conclusesi con successo, è piuttosto diffuso in Provincia”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X