facebook twitter rss

Team Marche
vice campione della
Coppa d’Inverno

TENNIS - Presso il Centro Tecnico Federale di Tirrenia, nel week end alle spalle, i portacolori della nostra regione si sono piazzati secondi alle Final Four riservate ai nati nel 2004 e 2005. Vittorioso il team della Liguria, a completare il quadro Lazio e Veneto
Print Friendly, PDF & Email

Il team delle Marche che ha partecipata alla manifestazione in esame

ANCONA – La Regione Marche si conferma ai vertici del tennis italiano, laureandosi vice campione alla Coppa d’Inverno 2018, il prestigioso torneo a squadre per rappresentative regionali under 14, riservato alle annate 2004 e 2005.

Da venerdì 28 a domenica 30 dicembre, presso il Centro Tecnico Federale di Tirrenia, si sono svolte le Final Four della manifestazione giunta all’undicesima edizione, che ha visto sfidarsi le quattro migliori regioni italiane giunte all’appuntamento finale dopo le vittorie a novembre dei rispettivi gironi di qualificazione.

Marche, Liguria, Lazio e Veneto hanno dato vita a tre giorni di ottimo tennis con tanti talenti in mostra. Il team Marche, capitanato da Marco Sposetti e Massimo Grazioli, dopo aver battuto il Veneto nella prima giornata per 5 a 1 e replicato contro il Lazio per 4 a 3 il giorno seguente, ha dovuto cedere nella sfida decisiva contro la Liguria che ha conquistato il titolo battendo la nostra squadra per 4 a 3.

Entrambe con 6 punti in classifica, si è dovuti ricorrere al regolamento della manifestazione secondo il quale in caso di parità nel girone viene presa considerazione la squadra vincitrice dello scontro diretto. Un po’ di amaro in bocca per i ragazzi corregionali, che comunque sono stati protagonisti di un ottimo torneo e di una stagione esaltante con la conquista del titolo di campioni d’Italia alla Coppa Belardinelli.

La rappresentativa marchigiana era composta da Nadine Barbarossa, Yaima Perez Wilson, Federica Urgesi, Andrea Meduri, Filippo Mazzola, Edoardo Principi.

 

Fotogallery

Marco Sposetti con Nadine Barbarossa

Massimo Grazioli ed Edoardo Principi


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti