facebook twitter rss

Torna il servizio civile alla Croce Arcobaleno,
il benvenuto di Partenope ai ragazzi:
“Avviciniamo i giovani al volontariato”

PETRITOLI - Ad iniziare la nuova avventura della durata di un anno all'insegna del volontariato sono Sara Concetti, Danny Botticelli, Laura Ascenzi e Samuele Sgariglia. Il benvenuto della presidente Elide Partenope accompagnata dall'Olp Andrea Malaspina
Print Friendly, PDF & Email

Torna il servizio civile alla Croce Arcobaleno di Petritoli. E’ partito oggi, con quattro giovani a vestire i colori della pubblica assistenza di Petritoli, il progetto “Un anno per la vita 2018”. A vestire la divisa dell’Arcobaleno, accolti dai militi con in testa la presidente Elide Partenope, sono Sara Concetti di Petritoli, Danny Botticelli e Laura Ascenzi di Montottone, e Samuele Sgariglia di Casette d’Ete. I quattro ragazzi sono entrati a far parte della famiglia dell’Arcobaleno grazie al servizio civile nazionale in sinergia con Anpas.

La Croce Arcobaleno ha infatti aderito al servizio civile Volontariato nazionale con diversi progetti che garantiscono un continuo miglioramento dei servizi prestati dall’associazione alla cittadinanza. La durata del servizio civile è di 12 mesi. E dunque oggi per Sara, Danny, Laura e Samuele inizia una nuova avventura all’insegna del volontariato e del mettersi al servizio della collettività. “Siamo davvero felici di accoglierli tra noi – il commento della presidente della Croce Arcobaleno, Elide Partenope, insieme all’Olp responsabile del servizio, Andrea Malaspina e ai quattro giovani che iniziano il servizio – i ragazzi sono a disposizione dell’associazione per svariati servizi, dai corsi ai trasporti. Per noi è una bella boccata d’ossigeno, con forze nuove e volenterose. Ma credo che anche per loro sia una bellissima esperienza. E’ molto importante, infatti, avvicinare i giovani al volontariato affinché possano capire, e toccare direttamente con mano, l’importanza di svolgere un servizio del genere, totalmente vocato al bene altrui, della nostra collettività”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti