facebook twitter rss

Barriere antirumore:
Marcotulli incontra i cittadini,
anche i 5 stelle contrari

PORTO SANT'ELPIDIO - Il capogruppo di Fdi auspica "incontro propedeutici con Rfi per proporre un progetto alternativo, presentarsi in Conferenza dei servizi non basta"; anche i 5 stelle favorevoli alla costituzione di un comitato: "Fermare la devastazione del paesaggio"
Print Friendly, PDF & Email

La minoranza si attiva contro le barriere antirumore e invita la cittadinanza a mobilitarsi. Il progetto di Rete ferroviaria italiana per la realizzazione di 3 chilometri di lastre fonoassorbenti ai margini dei binari sta facendo discutere a Porto Sant’Elpidio.

Ieri sera, su iniziativa del capogruppo di Fratelli d’Italia Giorgio Marcotulli, si è svolta alla Casa del volontariato la prima assemblea pubblica in materia. Un incontro durante il quale l’esponente di minoranza, davanti a 30-40 cittadini, ha auspicato la costituzione di un comitato civico per difendere gli interessi delle famiglie. Nel corso della riunione è intervenuto anche l’ing. Mario Galieni. “E’ stata l’occasione – spiega Marcotulli – per approfondire la questione sotto l’aspetto tecnico e normativo. Ho voluto dare all’incontro un taglio informativo, per illustrare al pubblico di che progetto stiamo parlando, come funzionano le procedure e cosa è possibile fare. All’Amministrazione comunale rimprovero la mancanza di una puntuale attività informativa, dato che il progetto è arrivato in Comune ad agosto. Far sapere le cose alla popolazione avrebbe consentito di formulare delle osservazioni all’atto preordinato all’esproprio inviato dalle Ferrovie dello Stato. Ciò che si può fare ora è intervenire sul progetto per ottenere delle modifiche che evitino un pesante impatto estetico sulla cità. Questo non va fatto in primavera, quando sarà convocata la Conferenza dei servizi, ma serve un lavoro a monte. Ritengo si debba arrivare ad un progetto condiviso con Rfi. Per questo un comitato cittadino sarebbe utile a rappresentare tutte le problematiche punto per punto e richiedere a chi intende realizzare le barriere antirumore un incontro propedeutico per discutere insieme le modifiche necessarie”.

La candidata sindaco Moira Vallati ed il gruppo 5 stelle di Porto Sant’Elpidio

Sulla questione si fa sentire anche il Movimento 5 stelle, printo a sostenere un’iniziativa tesa a favorire la partecipazione attiva della cittadinanza. Gli attiviti pentastellati fanno notare che “Le barriere acustiche, così come proposte, avrebbero un forte impatto paesaggistico che inevitabilmente modificherà l’assetto urbano della città. A tal proposito, siamo favorevoli alla costituzione di un comitato, finalizzato alla promozione delle legittime istanze della cittadinanza, dall’eventuale svalutazione economica degli immobili, all’impatto paesaggistico. Come MoVimento 5 stelle di Porto Sant’ Elpidio ci mettiamo a disposizione per eventuali informazioni in merito. Il rammarico è quello di dover evidenziare ancora una volta la palese disattenzione e la superficialità dell’amministrazione Franchellucci, che non ha informato la cittadinanza della devastazione paesaggistica che ci aspetta con la costruzione di barriere alte fino a 10 metri di altezza, paragonabili a veri e propri muri”.

P.Pier.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti