facebook twitter rss

Al maceratese David
Torresi il Pallino d’Oro

BOCCE - Bronzo, invece, per il veregrense Agostini nella prestigiosa manifestazione organizzata dalla Bocciofila San Michele. Tra sport e sociale, ecco anche il fermano dottor Brunamontini intervenire al corso di Boccia Paralimpica svolto nel Maceratese
Print Friendly, PDF & Email

La premiazione del “Pallino d’Oro”

PORTO SANT’ELPIDIO – Partecipazione assai numerosa di atleti e pubblico per la trentanovesima edizione de “Il Pallino d’oro” organizzato dalla società Bocciofila San Michele.

Manifestazione che ha visto le fasi finali svolgersi presso la Bocciofila Porto Sant’Elpidio sotto la direzione di Ubaldo Carletto. In gara 616 giocatori, di cui 368 della categoria A/B e 248 nella C.

Nella massima categoria A, il successo finale, nonché l’ambito Pallino d’Oro, è stato conquistato da David Torresi (Castelraimondo), davanti Giuseppe Stia (Spoletina Perugia), Michele Agostini (Montegranaro) e Pierino Pisauri (Morrovalle).

Nella categoria C, successo per l’ascolano Emanuele Bachetti (La Sportiva Castel di Lama) davanti a Persino Erbaccio (Recanatese).

Boccia Paralimpica – Diciannove i partecipanti, delle Marche, della Repubblica di San Marino e della Romagna, che hanno partecipato al Corso di Istruttore di Bocce Paralimpica, svoltosi nello scorso fine settimana presso la maceratese Bocciofila Morrovallese. Corso fortemente voluto dal Comitato Regionale Marche della Federazione Italiana Bocce, finanziato dalla Provincia di Macerata e dal Coordinatore Regionale Luca Capponi.

Il dottor Brunamontini

Nella prima giornata la fase teorica tenuta da quattro autorevoli relatori tra cui l’illustre fermano di Medicina Sportiva, dottor Sergio Maria Brunamontini che è intervenuto sul tema nutrizione, altre lezioni sono state tenute dalla dottoressa Cristina Ranocchi (Psicologia), Loreno Targa (Tecnico Nazionale Italiana Bocce) ed il professor Marco Bernardi (Criteri Iscrizione di Disabilità per gli Atleti).

Seconda giornata dedicata alla parte pratica sulle piste della locale bocciofila.

Obiettivo dell’appuntamento: la promozione della disciplina sportiva, nata in Italia solo dal 2016, con circa 150 atleti concentrati per la gran parte in Italia settentrionale ma praticato da oltre 20 anni nel resto del mondo.

 

Fotogallery


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti