facebook twitter rss

Barriere antirumore, la mobilitazione cresce: seconda assemblea a Porto Sant’Elpidio

PORTO SANT'ELPIDIO - Secondo incontro promosso dal capogruppo di Fdi Marcotulli, ci sarà anche il sindaco Franchellucci; in arrivo un'interrogazione in Parlamento preparata dall'on. Acquaroli
Print Friendly, PDF & Email

di Pierpaolo Pierleoni

La mobilitazione contro le barriere ferroviarie si amplia. Domani sera si terrà la seconda assemblea pubblica a Porto Sant’Elpidio, l’appuntamento è per le 21.30 alla Casa del volontariato. Partita dal consigliere di Fratelli d’Italia Giorgio Marcotulli, la protesta è diventata bipartisan e territoriale, dato che anche Fermo e Porto San Giorgio guardano con preoccupazione al progetto della Rete ferroviaria italiana e che nell’anconetano da mesi si sono attivati cittadini e comitati.

Ci sarà anche il sindaco Nazareno Franchellucci, che ha confermato la sua presenza per fare il punto della situazione. Il primo cittadino nei giorni scorsi si è mosso su due fronti: “Oltre alla lettera di osservazioni al progetto abbiamo avuto un contatto con Italfer Roma, la parte tecnica di Rfi per l’installazione di queste strutture, e congiuntamente con la sezione Marche di Rfi, per chiedere un incontro preliminare alla conferenza dei servizi. Stiamo dialogando con le altre amministrazioni per aprire un tavolo congiunto, è sicuramente auspicabile, per ottenere una soluzione migliore rispetto a quella che è stata prospettata, che ci sia un approccio condiviso”.

Un’immagine della prima assemblea pubblica sulle barriere antirumore

All’assemblea di domani parteciperanno anche rappresentanti del comitato costituitosi a Falconara Marittima e Marotta, “No al muro sì al mare”, per opporsi alle barriere ferroviarie. La questione arriverà inoltre in Parlamento, dato che su sollecitazione degli esponenti di Fratelli d’Italia, il deputato Francesco Acquaroli sta preparando un’interrogazione da sottoporre al Ministero delle infrastrutture e trasporti. “Ci stiamo muovendo su tutti i tavoli in modo trasversale – commenta Marcotulli – In settimana anche in Consiglio regionale il tema è stato posto da un’interrogazione del consigliere del Pd Giancarli. Rammarica però la risposta, a mio avviso troppo generica e superficiale, fornita dalla vicepresidente Anna Casini. Questo dà l’impressione che dal governo regionale non sia stata posta la dovuta attenzione ad un tema invece molto importante per la salvaguardia del paesaggio costiero”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti