facebook twitter rss

“Dragon Trainer: Il mondo nascosto” terzo capitolo del franchise targato DreamWorks

Per gli appassionati di cinema la recensione di Eraldo Di Stefano
venerdì 8 Febbraio 2019 - Ore 05:10
Print Friendly, PDF & Email

A conclusione di una trilogia vivace e vincente, sia per il pubblico che al botteghino, arriva il terzo film sul draghetto nero scritto e diretto da Dean DeBlois, co-regista del primo Dragon Trainer insieme a Chris Sanders e regista del secondo capitolo della saga.

Che questo film non sarebbe stata una delusione era prevedibile, dato l’approccio ai primi due con i quali si era riusciti a creare una forte emotività e un gran coinvolgimento del pubblico.

L’intero franchise, ispirato alla serie di libri dell’autrice britannica Cressida Cowell, racconta la storia di un gruppo di vichinghi e di draghi. Il primo film, uscito nel 2010, è un racconto costituito sulla meraviglia dell’infanzia, il secondo del 2014 parla dell’adolescenza e della maturazione, il terzo fondendo la dolcezza e lo scherzo all’oscurità mette in risalto come la crescita e l’età adulta significhino inevitabilmente nuovi orizzonti e cambiamenti di vedute.

La storia riprende con il protagonista Hiccup, divenuto capo del villaggio di Berk, che è riuscito a realizzare il suo sogno di creare una pacifica convivenza tra uomini e draghi. Il nemico questa volta è un malvagio cacciatore di draghi chiamato Grimmel il Macabro, che dopo aver rapito il drago bianco Furia Buia che può diventare invisibile, promette di usarlo per dare la caccia a Sdentato e consegnarlo ai cacciatori.

Passati dei giorni, Sdentato incontra la Furia Buia e ne diviene subito attratto ma questi fugge quando Hiccap è nei dintorni. Il giorno dopo Hiccap e Sdentato si mettono alla ricerca del misterioso drago e si imbattono in una trappola di Grimmel, che significa che il cacciatore si trova nei paraggi. La stessa notte Grimmel il Macabro attacca il villaggio e viene messo in fuga dai Cavalieri di Draghi, riuscendo però a bruciare la casa di Hiccup che inizia a rendersi conto che la sua gente e i draghi devono essere spostati in un posto più sicuro, un mondo nascosto di cui gli parlò una volta il padre Stoick, dove vivono tutti i draghi. Inizia così il viaggio della gente e dei draghi di Berk verso il Mondo Nascosto, tra insidie e cacciatori alle calcagne.

Elaborato con una conclusione eccitante e allo stesso tempo emozionante, questo film è fuori dagli schemi adatto ad ogni età dove la bellezza fotorealistica fonde il mondo fantastico con quello reale. E il risultato è da non perdere.

di Eraldo Di Stefano


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X