facebook twitter rss

Emergenza erosione sulla costa elpidiense, Ceriscioli sulle barriere emerse: “Non appena il piano sarà approvato procederemo”

PORTO SANT'ELPIDIO - "Il Comune fa il progetto, noi mettiamo le risorse per le barriere emerse. C'è un forte impegno in questa direzione. E' un tassello importante per infrastrutture e turismo, settori sui quali investiamo tanto"
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

“Per contrastare l’erosione riceviamo 560.000 euro all’anno. Sapete gli impegni della Regione quanto valgono? 62 milioni di euro. Questo è il vero rapporto entrata/investimento e a chi non lo capisce non so proprio cosa rispondere”. Il governatore delle Marche Luca Cersicioli interviene, a margine della conferenza stampa sulla sanità di questa mattina, in merito al tema dell’erosione sulla costa del Fermano, in primis Porto Sant’Elpidio, anche in vista del consiglio comunale aperto di domani.

“Siamo interessati a tutto il territorio – ha spiegato Ceriscioli –  e non faremo mancare il nostro apporto a questa parte della riviera. Ricordo anche che siamo stati promotori della modifica del piano costa per mettere barriere emerse laddove non erano previste nel vecchio piano. Oggi siamo alle osservazioni, non appena il piano sarà approvato procederemo. Il Comune fa il progetto, noi mettiamo le risorse per le barriere emerse. C’è un forte impegno in questa direzione. E’ un tassello importante per infrastrutture e turismo, settori sui quali investiamo tanto”.

“Le coste marchigiane sono lunghe e hanno bisogno di interventi di manutenzione e investimenti. Chi pensa che la Regione Marche sia distratta si sbaglia di grosso – rimarca il presidente Ceriscioli – Rispetto al trasferimento che ci viene fatto per questa competenza (560.000 euro all’anno) noi, in questo momento, stiamo seguendo attività per 62 milioni di euro per la difesa della costa attraverso la creazione di barriere, protezioni, interventi puntuali e ripascimenti.

È un impegno importante che vogliamo ribadire anche nella zona di Porto Sant’Elpidio, uno dei tratti colpiti dalle mareggiate che ha anche problemi di erosione. L’attuale piano della costa non contemplava barriere emerse in questo tratto ma abbiamo deciso, proprio un anno fa, di metterci mano, per estendere la protezione delle barriere emerse laddove non erano previste. Tutte le realtà che non le hanno ne hanno fatto richiesta. Quando il piano sarà approvato, in accordo con il Comune, che nello stesso tempo farà il progetto per realizzare le barriere emerse, noi lo finanzieremo. C’è quindi una grande sintonia istituzionale, un percorso di serietà e impegno, una testimonianza molto chiara rispetto a chi vuole rimestare ricordando che il governo nazionale ha tagliato i 9 milioni per ‘Italia sicura’. La Regione è comunque attenta e consapevole di non poter rispondere subito a tutti, parliamo ancora di necessità importantissime ma noi ci siamo e lavoriamo per proteggere le nostre coste. Vogliamo continuare ad investire nel turismo, nella crescita della capacità di accoglienza e anche nella protezione delle infrastrutture fondamentali come ferrovie e strade che sono vicine al mare” ha concluso Ceriscioli.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X