facebook twitter rss

Fermana-Pordenone, gli
umori dalla sala stampa

SERIE C - Per i canarini i commenti di mister Flavio Destro e del mediano Gianluca Urbinati, dalla sponda della capolista l'analisi del tecnico Attilio Tesser e del goleador di giornata Salvatore Burrai
Print Friendly, PDF & Email

Mister Flavio Destro nell’immediato dopo gara

di Paolo Gaudenzi

 

FERMO – “Abbiamo fatto una grande partita, sbagliando solo in occasione del rigore. Affrontata la prima della classe alla pari, peccato essere stati puniti nell’unica nostra sbavatura”.

Approccia così l’analisi del match andato in scena nel pomeriggio al Recchioni mister Flavio Destro, che prosegue.

Partita positiva da parte nostra. Perdere così fa male, ma la prestazione è stata decisamente da sottolineare. In un paio di occasioni ci siamo avvicinati pericolosamente alla loro porta, ma la fortuna nell’ultimo periodo non è decisamente dalla nostra parte. La gara di questa sera fa il paio con quella di Vicenza, che con un pizzico di buona sorte si poteva vincere. Ma i numeri, purtroppo, dicono questo. Pertanto dobbiamo continuare a lavorare ed a pensare positivo, i gol prima o poi arriveranno. Il bicchiere mezzo pieno è rappresentato dal fatto che abbiamo creato molto al cospetto della capolista, che torna a casa sì con l’intera posta in palio, ma capitalizzando una circostanza frutto di due rimpalli, di certo non schiacciandoci dal punto di vista del gioco. Ripeto, tolta la gara contro il Gubbio, dal mio punto di vista la peggiore disputata ultimamente, per il resto ho visto una buona Fermana, condannata oltre i propri demeriti dagli episodi“.

Attilio Tesser, allenatore del Pordenone capolista

“E’ stata una partita equilibrata, giocata in un campo impossibile, dove è difficile giocare a calcio, sia per lo stato del terreno di gioco che per il vento, ad impedire spesso la buona giocata – afferma il tecnico ospite Attilio Tesser -. La gara è stata risolta da un episodio a nostro favore, ma la strada per la serie B è ancora lunga. Tutti ci danno come favoriti per la vittoria finale, ma dobbiamo continuare con umiltà, partita dopo partita”.

Salvatore Burrai, autore del gol vittoria dei neroverdi grazie alla trasformazione del rigore assegnato per fallo di Iotti su Ciurria

“Sono contento per il risultato, non solo per il mio gol – dice Salvatore Burrai -. La Fermana si è rivelata la squadra fisica e spigolosa da affrontare per come avevamo ipotizzato. Con Ciurria siamo riusciti a spaccare la partita, aprendo la difesa di casa e creando i presupposti per il rigore valso la vittoria corsara”.

In ultimo il contributo del centrocampista canarino Gianluca Urbinati.

“Vorrei preventivamente fare i complimenti a tutti, perché abbiamo concesso zero palle gol al Pordenone facendo una partita maiuscola e con diverse circostanze interessanti, come quelle capitate a Lupoli, Zerbo e Maurizi. E’ stata una grandissima prestazione, purtroppo senza gloria. Il Pordenone ha approfittato di una nostra leggerezza per restituire quanto capitato nella gara di andata. A volte in stagione giocando peggio abbiamo fatto punti, paradossalmente oggi meritavamo di muovere la classifica, invece non è stato così”.

Il centrocampista canarino Gianluca Urbinati

Urbinati chiude sugli avversarsi.

Meritano la Serie B, solo noi abbiamo interrotto il monopolio in vetta alla classifica degli ospiti di giornata. Anche la vittoria oggetto di commento, maturata nel modo in cui è venuta, testimonia il fatto che è l’anno loro. Nel lungo cammino di stagione il Pordenone ha il grande merito di aver messo sul piatto un passo ed una costanza senza pari”.

 

Articolo correlato: 

Fermana, nel finale scende il buio sul “Recchioni”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X