facebook twitter rss

Fermo, Nuoto e Pallanuoto:
weekend ancora passivo

PALLANUOTO - Non sono di certo mancate le emozioni agli appassionati degli sport acquatici che, nello scorso week-end, si siano interessati delle sorti della Fermo Nuoto E Pallanuoto, che, con le sue diverse formazioni, è stata impegnata in campi di gara vicini e lontani. Raggi di sole dai più giovani illuminano le sconfitte delle categorie superiori
Print Friendly, PDF & Email

FERMO – Non sono di certo mancate le emozioni agli appassionati degli sport acquatici che, nello scorso week-end, si siano interessati delle sorti della Fermo Nuoto E Pallanuoto, che, con le sue diverse formazioni, è stata impegnata in campi di gara vicini e lontani. Ma vediamo insieme cosa sia accaduto.

Cominciando dalla prima squadra maschile nel campionato di serie C, questa, ospite della formazione di Pescara, patisce una rotonda sconfitta, registrando così l’ennesimo segno negativo nelle ultime giornate di campionato, rimanendo ancorata ad una classifica che, fissa, la vede galleggiare nella parte più bassa di questa. Nel match disputato lo scorso sabato, gli uomini di mister Liberati pèrdono 12 a 4, dopo non essere riusciti a tenere testa ad una formazione molto preparata dal punto di vista atletico che, nella grande vasca di casa, Le Naiadi, ha avuto nei contropiedi e nella compattezza dell’organico disposto in acqua le sue armi migliori, dominando il match e concedendo davvero poco agli ospiti fermani. Sono scesi in vasca, agli ordini di mister Liberati, e con indicazione delle marcature Priorelli, Reali, Bellabarba, Lanciotti, Di Stefano, Napoleone, Andrenacci(3), Zeppilli, Sollini, Carducci, Mancini(1), Mignani.
Ora l’appuntamento per le calottine giallorosse della Fermo Nuoto E Pallanuoto è nuovamente di sabato, sabato prossimo nella piscina comunale di Fermo contro un’altra squadra già ostica sulla carta, il Chieti. La vittoria, che equivale ad un riscatto, sarà quindi l’obiettivo della squadra di coach Liberati sebbene, non va nascosto, si parli più d’impresa che di prestazione.
 
Domenica, invece, nella piscina comunale di Fermo, è stata la volta del campionato Under 20 che ha visto i colori giallorossi cadere in casa contro i pari età del San Severino, i quali li hanno doppiati con un laconico 9 a 18. Subito sotto, e pesantemente, i padroni di casa, stentano a ripartire nel secondo dei quattro tempi, arrivando così alla pausa lunga con una sola marcatura. Poi, la reazione fermana c’è, ma oramai è tarda e così, controllando la partita gli ospiti portano a casa i tre punti (parziali: 0-5, 1-3, 4-6, 4-4).
 
“La squadra settempedana – dice il tecnico Andreozzi – poteva vantare in rosa giocatori che militino stabilmente in prima squadra, una maggior esperienza e cattiveria agonistica, attori questi che si sono rivelati poi determinanti per la definizione del match. I ragazzi hanno comunque lottato fino all’ultimo secondo, onorando lo sport e soprattutto la grinta che è loro propria. Così si è ceduto con l’onore delle armi, anche se un risultato così eclatante sembra non attestarlo”. Vita, Mignani, Fusco(1), Santarelli M(2), Di Stefano(1), Santarelli L, Priorelli, Patalocchi, Santini(1), Moretti (4).
 
A conclusione del weekend della palla in vasca, ecco l’Under 15, la sola formazione Fermana ad aver riportato una vittoria, imponendosi con un tiratissimo 8 a 7 contro i coetani di Osimo in una bella e combattuta partita, altalenante fino al fischio finale: il gol di scarto, il vantaggio minimo conservato fino alla chiusura dell’incontro, lasciano molto soddisfatto il tecnico Andrea Mancini, il quale, per la prova dei suoi ragazzi, parla “di un successo maturato all’insegna della grinta più che delle strategie, dato che è stata la caparbietà del collettivo sceso in acqua a permettergli di vincere la partita”. Dopo un primo tempo, infatti, molto combattuto e difensivo (1 a 1), i Fermani subiscono nel secondo quarto il gioco degli ospiti (1 a 2), pur limitando il numero delle reti data la grande verve agonistica espressa soprattutto nelle fasi difensive dalle due squadre. Cerolini, Gargano(2), Apollonio, Fratini, Fenni, Romanelli(1), Gentili(1), Macerata, Santini(1), Chimenti(3), Concetti, Mele, Fazi, Fortuna i giocatori schierati.
 
Dopo la pausa lunga, è con il terzo tempo che i Fermani passano in vantaggio segnando bene 4 reti contro la sola realizzata dagli osimani. È questo il momento della svolta perché la Fermo Nuoto E Pallanuoto prende in mano la partita e riesce, soprattutto, a gestirla anche nel tempo finale quando subisce un parziale negativo di un gol, (2 a 3), ma questo non basta agli Osimani né a pareggiare l’incontro, né a regolare la partita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti