facebook twitter rss

La Sutor attende Osimo,
Lupetti è pronto alla sfida

SERIE C GOLD - Dopo la pausa di campionato la Premiata torna di scena domenica, alle 18.00, all'interno del palace domestico per il match al cospetto della Robur. Ad analizzare il confronto dal tono playoff la guardia numero 3 di coach Marco Ciarpella, ex del prossimo turno
Print Friendly, PDF & Email

La guardia veregrense Riccardo Lupetti

MONTEGRANARO – Terminata la settimana di pausa forzata lontano dal campionato, è tempo per la Sutor di prepararsi al meglio per la sfida interna di domenica contro Osimo.

I ragazzi di coach Ciarpella hanno approfittato dello stop per sistemare alcuni aspetti e soprattutto per migliorare la condizione atletica in vista del rush finale di stagione, e ad attenderli all’orizzonte c’è subito un importante banco di prova: quella Robur che tanto è cambiata a livello di organico nelle ultime partite e che si impose di 6 punti all’andata sul proprio campo.

In vista di questo importante match scambiamo due chiacchiere con l’ex bianco-nero Riccardo Lupetti.

Lupetti, ci racconti anzitutto come è andata la settimana di pausa in palestra…

“Abbiamo approfittato della pausa per rimetterci a posto fisicamente, recuperare le energie mentali e sistemare qualche aspetto tattico lavorando già in ottica dello scontro con Osimo di domenica”.

Come sta la squadra fisicamente?

“Piano piano ci stiamo riprendendo da tutti gli acciacchi e problemi che hanno colpito ognuno di noi. Ora dobbiamo mettere un po’ di benzina sulle gambe da poter usare quando servirà”.

I playoff sono dietro l’angolo: conterà arrivare pronti all’appuntamento, sia mentalmente che atleticamente parlando, ma soprattutto saranno decisivi gli accoppiamenti. Vincere domenica insomma per consolidare la buona posizione in classifica…

“Abbiamo perso un’occasione d’oro domenica scorsa: potevamo portarci a 2 punti dalle prime e staccarci ulteriormente dal gruppone delle inseguitrici. Contro la Robur sarà una partita fondamentale in questo senso”.

Alla Bombonera però domenica arriva Osimo: un avversario tutt’altro che facile da affrontare, che avrà praticamente nella prossima partita l’ultima chiamata per il treno che porta alla post-season

“Con Osimo ci aspetterà una battaglia: loro considerano questa come l’ultima possibilità per agguantare i playoff, per cui venderanno cara la pelle. Hanno anche aggiunto diversi giocatori per cui sono più che completi…sarà durissima”.

Che match si aspetta di vedere? Vincerà chi…?

“Vincerà secondo me chi resterà più continuo sui 40 minuti e chi eviterà all’altro punti facili in contropiede e folate in transizione. Loro daranno tutto pur di portarla a casa, noi dovremo fare di più”.

Per lei sarà una sfida da ex avendo vestito la maglia della Robur nella stagione 2015/16. Che ricordi conserva di quell’ambiente e di quella annata?

“È stata un’annata sfortunata, con diversi cambi e complicazioni durante la stagione. Ricordo con piacere il gruppo fantastico che si era creato: con quelle difficoltà ci eravamo uniti ancora di più. È stato veramente un peccato non poter esprimerci al meglio.”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti