facebook twitter rss

Cronache Fermane, Radio Fermo Uno e Informazione.tv:
insieme per il territorio

RADIO E INFORMAZIONE - Il Fermano e le Marche in genere hanno tanto da raccontare e promuovere. Cronache Fermane, Radio Fermo Uno e Informazione.tv saranno un punto di riferimento per quanti vorranno farlo
venerdì 15 Marzo 2019 - Ore 11:29
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Giovedì scorso, 7 marzo, l’assemblea dei soci della “Romolo Murri Scarl” concessionaria delle frequenze di Radio Fermo Uno ed editrice della testata on line “informazione.tv”, ha eletto il nuovo consiglio di amministrazione nelle figure di Nunzia Eleuteri (presidente), Giorgio Fedeli (vice presidente) e Paolo Paoletti (consigliere di amministrazione e direttore responsabile di testata). I tre amministratori, già soci in CF Comunicazione Srls (società editrice della testata on line Cronache Fermane in network regionale con Cronache Ancona, Cronache Maceratesi e Cronache Picene), rivestono anche la qualifica di soci stessi della cooperativa “Murri”.

L’operazione, nata dall’esigenza di un maggior coinvolgimento del territorio nella vita e sopravvivenza della radio storica locale che vanta oltre 40 anni di trasmissioni via etere, è stata guidata e fortemente voluta dagli stessi amministratori uscenti che hanno visto nelle figure dei tre professionisti di Cronache Fermane le potenzialità necessarie a raccordare il lavoro di informazione locale, ottimizzandone costi e benefici in un momento in cui la crisi dell’editoria è sempre più evidente.

“Solo un mese fa a Roma, l’Agcom ha presentato gli esiti dell’indagine svolta sull’informazione locale. E’ risultato un mercato che fatica a produrre modelli sostenibili con un’offerta che soffre e una domanda di informazione locale che rimane altissima. – Commentano i nuovi amministratori – Che la domanda sia elevata è una realtà che abbiamo sperimentato di persona con Cronache Fermane che nel 2018 ha raggiunto oltre 1.400.000 utenti rilevati da Google pur occupandosi di notizie su una piccola provincia di circa 180.000 abitanti. I dati Agcom parlano, infatti, dell’86% dei cittadini italiani che si informa abitualmente su fatti locali (8 italiani su 10). L’Autorità di Garanzia nelle Comunicazioni ha constatato, dati alla mano, che l’informazione locale rappresenta una vera e propria emergenza dovuta alla riduzione del sostegno pubblico e al crollo del mercato pubblicitario; la domanda di informazione legata al territorio è alta ma gli operatori locali, salvo rare eccezioni, stentano a trovare una sostenibilità economica tanto che diverse testate sono state chiuse. Si è parlato addirittura di progressiva desertificazione di editori locali e di scomparsa di quello che è un presidio di democrazia e libertà di espressione. Ecco quindi che diventa imprescindibile operare oggi nel settore attuando economie di scala e di scopo come quelle che abbiamo ritenuto di avviare occupandoci della storica Radio Fermo Uno a completamento di un servizio che stiamo già offrendo con Cronache Fermane.

Crediamo moltissimo nella forza del tessuto di questo territorio: ha potenzialità ancora inespresse e solo attraverso sinergie reali (non a parole come troppo spesso siamo abituati), potrà dimostrare il suo valore. In questo percorso di sinergia concreta, per quanto ci riguarda, si è già attivata una collaborazione con Andrea Vergari di Radio Faleria a Mare di Porto Sant’Elpidio e, sempre nell’ottica sinergica, hanno offerto la massima vicinanza gli amministratori uscenti della cooperativa ai quali va un grande ringraziamento per aver mantenuto in vita la radio di Fermo e le sue tre storiche frequenze, nonostante le tante difficoltà e vicissitudini degli ultimi anni. Un grazie speciale va a tutti i nostri collaboratori, persone di comprovata serietà e professionalità, che hanno manifestato entusiasmo e attaccamento al lavoro condividendo con noi le intenzioni di affrontare questa nuova sfida.

Solo un lavoro di squadra con professionisti affiatati e che hanno lo stesso obiettivo potrà risultare vincente. E’ un principio in cui crediamo fermamente. Ci aspetta ora un grande lavoro da fare sia sotto il profilo del miglioramento del servizio di informazione locale, sia sotto il profilo tecnico-informatico, di programmazione, promozione del network e sostenibilità economica. Siamo spaventati? Forse un po’ ma più forte della paura è la speranza. Riponiamo una grande fiducia in un territorio che sarà al nostro fianco e che vogliamo coinvolgere a 360° in una strategia di sviluppo complessiva che non può prescindere dalla comunicazione. Il Fermano e le Marche in genere hanno tanto da raccontare e promuovere. Cronache Fermane, Radio Fermo Uno e Informazione.tv saranno un punto di riferimento per quanti vorranno farlo.”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X