facebook twitter rss

La passione nel lavoro e nella vita:
assegnato il premio giornalistico
nel nome di Carlo Urbani

PORTO SANT'ELPIDIO - Al teatro delle Api la quarta edizione del concorso riservato agli studenti, che potevano partecipare con articoli o video; all'incontro anche l'attore e regista Simone Riccioni, il capitano Peluso dei carabinieri ed il vicequestore De Luca
Print Friendly, PDF & Email

di Pierpaolo Pierleoni

Il tema della passione ha fatto da filo conduttore, questa mattina, alla quarta edizione del Premio Urbani, concorso giornalistico riservato alle scuole che il Polo scolastico con sede centrale a Porto Sant’Elpidio dedica ogni anno al medico che dà il nome all’istituto. Tanti gli ospiti questa mattina al Teatro delle Api. Presenti anche la vedova di Carlo Urbani, Giuliana, ed il figlio Luca.

Passione era il tema degli elaborati, scritti o video, con cui si sono misurati gli studenti che hanno partecipato al premio, passione che è stata declinata su più piani dai tanti ospiti che si sono avvicendati sul palco di Porto Sant’Elpidio. Molto applaudito l’attore e regista Simone Riccioni, che proprio domani uscirà in tutte le sale con il suo ultimo film La mia seconda volta, girato nelle Marche e pronto ad esordire sul grande schermo. Ad aprire la mattinata le note dell’Urbani Simphony Orchestra diretta dal preside Roberto Vespasiani.

Sono intervenuti poi, presentati dal giornalista Rai Vincenzo Varagona, rappresentanti delle istituzioni, della sanità, delle forze dell’ordine, a raccontare il loro concetto di passione nel lavoro che svolgono quotidianamente. Dopo i saluti iniziali del sindaco Nazareno Franchellucci, col tema si sono confrontati Luca Urbani, figlio del medico che individuò la Sars, e l’amico Mauro Ragaini, per parlare della passione e dedizione al lavoro di Carlo Urbani.

Anche i rappresentanti della pubblica sicurezza hanno voluto intervenire. Hanno parlato della loro esperienzail comandante della compagnia carabinieri di Fermo, cap. Roland Peluso, ed il vicequestore di Fermo Ciro De Luca. A parlare anche il direttore dell’area prevenzione dell’Area vasta 4 Asur Giuseppe Ciarrocchi, la presidente della Provincia Moira Canigola, don Giordano Trapasso per l’arcidiocesi di Fermo, Luca Romagnoli per l’Ordine dei giornalisti. Prima della fine anche un encomio alla prof. Pamela Bulgini e la sua classe per il premio “Sulle vie della parità”.

Al termine, l’attesa proclamazione dei vincitori del concorso giornalistico. La giuria, per gli articoli, ha premiato a pari merito Flavio Clariond e Sarah Amurri, entrambi iscritti al Polo Urbani, secondo posto a Sara Torregiani, studentessa di Recanati, terza Margherita Capecci. Nella sezione video vittoria assegnata a Sofia Pirro, davanti a Gaia Gianni, terza si è classificata Beatrice Fermani. Al termine, lo spostamento alla sede centrale della scuola, per l’inaugurazione di una mostra dedicata a Carlo Urbani.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti